• Questo è il primo episodio della serie che rientra negli AU (Alternative Universe – Realtà Alternativa).
    Solo gli ultimi minuti della puntata, quando vediamo Brennan nella stanza di ospedale mentre aspetta il risveglio di Booth, corrispondono alla realtà dei personaggi.
  • Questo è il primo (e unico) episodio di Bones in cui non viene mostrata la sigla.
    I nomi del cast appaiono come titoli di testa, in sovrimpressione, subito dopo il titolo (minuto 4:15)
  • Ryan O’Neal (l’attore che interpreta Max) e Eric Millegan (l’attore che interpreta Zack) sono accreditati come “Special Guest Stars”.
  • Come si scoprirà in seguito, tutta la storia della realtà alternativa mostrata in questo episodio è stata il risultato dell’intreccio del sogno che Booth ha vissuto durante il coma e del libro che Brennan stava scrivendo durante l’attesa del suo risveglio.
  • La band di Sweets, quella che in questo episodio ci viene presentata come “i Gormogon” è in realtà una vera e propria band chiamata “Dayplayer” (la trovate anche su MySpace), composta da 5 membri, di cui John Francis Daley (l’attore che interpreta Sweets) è il cantante.
    Tutti i componenti del gruppo sono gli stessi che hanno suonato le due canzoni nell’episodio.
  • Errore: Nella scena iniziale, quando Booth si alza dal letto, vediamo che la telecamera inquadra la poltrona sulla quale è appoggiata una vestaglia rosa. Nell’inquadratura precedente, quella prima del risveglio di B&B, la vestaglia però non c’è.
  • Errore: Nell’ultima scena, quando Hodgins sta dando la voce a quello che Brennan sta digitando sul computer, nella versione originale l’ultima frase detta da lui è: “Burdens that allow us to fly”.
    Ma in realtà sullo schermo del computer c’è scritto “Burdens which allow us…”
Colonna Sonora
  • Neverending Summer” e “Caveman”, dei Dayplayer (le due canzoni suonate dalla band di Sweets);
  • Dr. Feelgood”, dei Mötley Crüe (suonata dal vivo durante il concerto nel “Lab”)
Video Dietro le quinte
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: