• Mi sono commossa ma ho anche riso di gusto, è questo che amo di Bones.
    (~Mars.)
  • L’episodio ha scritto “famiglia” in fronte, perché tutti i personaggi, stavolta, partecipano a questa grande ragnatela di legami affettivi, di amicizia, d’amore e di rispetto. Ognuno offrendo qualcosa di sé.
    (Ales2004)
  • Il ruolo di Sweets, discreto, ma comunque importante durante l’arco dell’episodio
    (omelette73)
  • Clark: il suo apprezzamento su Booth, sul fatto che sia una brava persona mi ha piacevolmente stupita. L’ho trovato molto empatico, mi è piaciuto. E la sensibilità con cui Cam parla con lui del nonno: è proprio la mamma chioccia del lab.
    (lotus in dream1927)
  • L’agitazione di Brennan nel momento in cui incontra Hank: per lei una parte di Booth é come se fosse una parte di se stessa, ed infatti la nostra cinica antropologa (!) mostra subito un caldo e tenero affetto per questo vivace vecchietto. E lui la accoglie subito nel suo cuore.
    (Ales2004)
  • Il personaggio di Nonno Hank…di una dolcezza sublime e anche di una forza straordinaria. I suoi momenti con il nipote e anche quelli con Bones rimarranno tra le scene più belle in assoluto dell’intero TF.
    (dr.fran)
  • Questo nonno Booth è così… Booth, che sembrano il riflesso speculare l’uno dell’altro. I protettori delle persone che amano, disposti a tutto per loro, anche a sentirsi in colpa, anche a pensare che gli altri si sentiranno non amati se loro non faranno il massimo.
    (Dreamhunter)
  • Anche qui troviamo dei fardelli che vengono portati da ognuno dei personaggi. Da quelli fisici della vittima, la quale non riesce del tutto a liberarsi della sua obesità, proiettandola verso il partner, a quello dell’omicida, che non riesce a sopportare la morte della moglie e la violazione di quello che doveva rappresentare il proprio nido di amore e l’unica isola dove avrebbe potuto ritrovare la persona amata.
    Poi abbiamo l’enorme fardello di Pops, del credere di aver fallito come uomo, come padre e come nonno. (…) Abbiamo il fardello dell’amore di Booth nei confronti di quest’uomo che lo ha salvato. La paura di fallire, di credere che, riportandolo nella casa di riposo, Pops si possa sentire abbandonato e non amato ed è disposto a rinunciare a quello che ama di più pur di assecondare questo desiderio di casa di Hank. (…) Abbiamo il nuovo fardello di Bones, che è rappresentato dall’impegno preso nei confronti di Booth quando sarà il momento. Cioè quello di sorreggerlo quando ne avrà bisogno e di raccontargli quello che è successo quando il padre li ha lasciati.
    Fardelli che, a mio avviso, non sono quelli descritti da Bones nella season finale dello scorso anno, non sono un rinunciare alla propria felicità e destinare parte della propria esistenza alla condivisione con un altro essere umano. O forse no, approfondisce questo contesto, facendoci capire come questi fardelli, condivisi con le persone che amiamo, ci rendano più leggeri, ci facciano “volare” rendendoci delle persone migliori.
    (lathika)
  • Brennan entusiasta degli inviti a cena di Hank, di giocare a domino con lui. Non penso assolutamente che sia solo per poter passare una serata con Booth. No, lei é proprio interessata ad Hank, le piace far parte della famiglia, giocare con questo nonno. Questa donna ha una fame di vita famigliare normale. In particolare é così felice di essere accettata dentro la famiglia Booth che stringe il cuore a vedersi.
    (Ales2004)
  • La dinamica Booth-Pops é dolcissima. Vediamo un Booth che si gode il bel nonno, di cui va fierissimo, e allo stesso tempo ne coglie le fragilità e le difficoltà.
    (Ales2004)
  • Gli altri e, in primis, Brennan, svolgono un ruolo di supporto, di sostegno, interpretano e decifrano i diversi passaggi, li commentano e così aiutano e l’uno e l’altro.
    (sella)
  • Proprio perché ha capito tutto, Hank in fondo consegna il testimone a Brennan, le affida ciò che è stata la missione più importante della sua vita, il suo amore per il nipote con tutto ciò che esso comporta.
    (sella)
  • Bren, Angela e i soprannomi. Sono un modo per dimostrare che si tiene ad una persona. Booth ha dato un soprannome a Brennan. Booth ama Brennan. E’ così facile!
    (Anna86)
  • Hank che voleva cucinare per suo nipote come aveva fatto tante volte e invece è andata a finire che sono arrivati i pompieri… Come deve sentirsi un Booth con l’istinto del protettore in una circostanza simile? Dover ammettere con se stesso di non poter più proteggere il suo “nanetto” ma di doversi fare proteggere da lui?
    I Booth non amano mostrarsi vulnerabili, devono sapere di essere utili.
    (Dreamhunter)
  • Prima che il nonno gli dica che vuole tornare nella sua casa di cura – Pops naturalmente ha capito perfettamente le paure di Booth – lui ammette che sarebbe disposto a prendere un congedo dal lavoro per occuparsi di lui e, ammettiamolo, al giorno d’oggi, quante persone penserebbero anche solo di fare una cosa del genere?
    (omelette73)
  • Quello che dice a Brennan prima e a Booth poi.
    A lei di non lasciare solo il suo nipote grande e grosso che come tutti però ha bisogno di qualcuno. A lui di seguire il proprio cuore. Quel cuore da leone che sembra il vero protagonista di questa bellissima stagione.
    (Dreamhunter)
  • Se Booth l’episodio precedente si era rattoppato la sua autostima e GG lo aveva convinto a non rinunciare al suo sogno ma a credere e sperare, qui Hank gli molla una spintarella: datti una mossa. A lei dice di non avere paura, ma al nipote dice: ascolta il tuo cuore e vai. Penso che l’idea di Hanson sará dunque un avvio della parte romantica dove Booth dovrá FARE e Brennan dovrá RISPONDERE.
    (Ales2004)
  • Bello che alla fine le faccia un complimento semplice, riferito alla collana. Com’è che aveva detto quel tizio sceso sulla luna? “un piccolo passo per un uomo, ma un grande passo per l’umanità!”
    (Chris.Tag)
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: