• La puntata è ovviamente incentrata su Booth, Bones e Hannah.
    Hannah, che, devo ammettere (come direbbe Julien/Julia Roberts): se non dovessi odiarla l’adorerei.
    (PillaPolla)
  • Clark l’ho adorato dall’inizio alla fine: dalla “sclerata” al Jeffersonian fino all’attacco di allergia! Fortissima quella scena!
    (-Saretta-)
  • Hannah è bella, intelligente, tosta, innamorata e reclama l’attenzione di Booth, che non è più tutto di Brennan.
    Ed ecco le crepe che cominciano a diramarsi sulla corazza.
    Brennan che perde il controllo sul lavoro, che perde il sorriso.
    Ci vorrà del tempo, ma credo che capirà molto di se stessa attraverso questa sofferenza.
    (Dreamhunter)
  • La scena che più mi ha tolto il fiato è quella in cui Hannah racconta del suo incontro con Booth che si conclude con quello sguardo…
    In essa ho sentito un crescendo di paura, dolore, consapevolezza, con Bones che non può impedirsi di voltarsi più volte verso di lui, man mano che sente, man mano che capisce…
    E in quello sguardo, che è il primo momento in assoluto in cui ho ritrovato “Booth”, ho rivisto tutto, ogni caso risolto, ogni discorso intrapreso, ogni rischio condiviso, ogni carezza regalata, ogni lacrima versata, ogni dolore confessato…
    (DorisøBay)

 

  • Con Hannah lui vive solo la parte superficiale di sé. Quella emotiva, la tiene nascosta. Si vede quando raccontano di come si sono conosciuti: Booth ha ferito per Hannah. Brennan lo guarda, leggendolo dentro, sapendo quanto sia doloroso per lui combattere. Si guardano e si capiscono al volo. Hannah é tutta ridanciana, dice che lui non ammazza se puó evitarlo, e ci passa sopra come se raccontasse che lui l’ha aiutata con la macchinetta del caffé che non funzionava. Brennan legge il dolore di Booth, Hannah no. E Booth tiene nascosta questa parte di sé ad Hannah. Booth non vuole mai parlare delle sue azioni militari. Ma mentre Brennan ne conosce il motivo, e sa che invece lui ha bisogno di parlarne, Hannah é totalmente ignara, e non per colpa sua, di cosa ci sia nell’animo dell’uomo che dice di amare.
    (Ales2004)
  • Booth mi è parso più rilassato in questa puntata, merito credo dell’arrivo di Hannah, che gli permette di tenere – per ora – a bada i sentimenti irrisolti. Ma la mia sensazione di base rimane: a inizio puntata una delle cose su cui insiste è il capire se Brennan è davvero contenta di lavorare ancora con lui. Le ricorda di quello che lei gli aveva detto sette mesi prima sulle sue difficoltà con il loro lavoro e questo mi conferma che quella scelta di Brennan lo ha veramente colpito.
    (Dreamhunter)
  • Circa il suo ripetere e ribadire di continuo che ama Hannah, beh, è evidente che è un tentativo di convincere se stesso e gli altri. Sebbene non credo che stia mentendo. Sono persuasa che si possano amare due persone contemporaneamente, specie se poi si è convinti che una delle due non ci ricambi. Quindi credo a Booth quando afferma di essere pazzo di Hannah e che quando sono insieme la sua vita è più bella. Mi pare ovvio: Hannah è chiaramente molto innamorata, lo fa stare bene e quando è con lei riesce ad illudersi che davvero il passato sia passato. Quello è l’unico punto del discorso in cui non gli credo. Perché il passato non può essere passato se lavora con te.
    (Dreamhunter)
  • Tra l’altro è stata rivelatoria la scena post sex nel senso che, quando Hannah dice che è gelosa di Booth e Bones, lui ha una faccia spaventatissima perchè teme che lei abbia percepito qualcosa. In realtà Hannah è gelosa della vita avventurosa che vivono perchè lei ama l’avventura e spesso si mette nei guai.
    (-Saretta-)
  • L’atteggiamento di Bones per me grida dolore da ogni parte, solo che lo tiene dentro, eccetto che nella scena con Clark… andiamo, quando mai l’abbiamo vista gridare così con un Intern?
    (omelette73)
  • Bones si sta aprendo riguardo a quello che prova, fa molta più fatica a fingere. Quando Cam le chiede se la “questione Hannah” le crea problemi sul lavoro, lei è spiazziata, è come se l’avesse colta in castagna.
    (-Saretta-)
  • Quel ‘la mia vita è come me l’aspettavo’ non l’ho interpretato come un ‘va tutto bene’, ma come se lei fosse ancora convinta che non si merita l’amore e di essere felice…Bren ha raggiunto il massimo nella sua carriera lavorativa, come una persona della sua intelligenza sapeva avrebbe fatto.. ma nella sfera personale…è sempre stata convinta di non meritare di essere amata (I’m just one of those people who doesn’t get to be in a family), di non valere quel rischio…e ora ne tira le somme…non dà un aggettivo perché non c’è un aggettivo…è la vita che si era immaginata, dove niente di speciale sembra poterle capitare e lo dice…e a me spezza il cuore che la veda così…
    (lotus in dream1927)
  • Ciò che scoprono dopo è una conferma di come due persone diverse possano trovare una connessione al di sopra delle loro molte differenze. Le due vittime l’avevano trovata nel superamento della dipendenza da alcool. E Booth e Brennan, beh, loro di connessioni ne hanno così tante… E nel loro subconscio lo sanno entrambi.
    (Dreamhunter)
  • Booth e Bones si scambiano le loro opinioni sull’omicidio della coppia. Booth le dice che l’amore è pensare a qualcun’altro prima di te, dare la tua vita se necessario per questa persona.
    Questa definizione vi ricorda qualcuno?
    A Bones sicuro ricorda qualcuno. Ed è toccata da ciò. Lo si vede dai suoi occhi
    (PillaPolla)
  • Bones resta indietro, da sola. E mi si spezza il cuoricino a vederla a quel bancone, senza Booth, con il sorriso che le si spegne sulle labbra. E pensa…
    (PillaPolla)

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: