E’ tempo di faide familiari nell’undicesimo episodio della settima stagione di Bones.
Nel momento in cui un corpo viene ritrovato nei boschi, la squadra del Jeffersonian ricollega la vittima a due famiglie in lite da quasi un secolo. Booth e Brennan interrogano così un membro della famiglia che attraverso una confessione scioccante lì condurrà ad un possibile movente per l’omicidio. Tuttavia non è solo la vittima a trovarsi al centro di una faida: la vera faida dell’episodio sarà quella tra Max e Brennan. Il padre di Temperance arriverà in città e si offrirà volontario come baby sitter della nipotina. Fin qui niente di strano. Ma sarà per questo motivo che verranno a galla vecchi ricordi legati all’infanzia di Brennan e al suo abbandono da parte del padre. Brennan si troverà ad essere così un po’ spaesata e non le sarà facile affidare al padre la sua bambina. Chi dice infatti che lui non la lascerà di nuovo, magari portandosi dietro Christine questa volta? E’ ovviamente impossibile dare torto a Brennan, la quale ha sempre avuto un rapporto particolare e mai del tutto sincero con suo padre, tuttavia le intenzioni di Max non sono da biasimare. Lui vuole davvero prendersi cura di Christine e rimediare agli errori commessi in passato. Non ha alcuna intenzione di scappare, anzi, vuole solo avere una possibilità da nonno dato che ormai non può averla da padre. Si tratta di una puntata molto toccante, nella quale vengono messi in luce gli aspetti forse migliori del telefilm, quelli legati alla back-story della famiglia di Brennan, la quale si comporterà forse in maniera un po’ esagerata (Max dimenticherà il cellulare e quindi Brennan, impaurita, cercherà di mettersi in contatto con lui sporgendosi pericolosamente dal finestrino del SUV di Booth per fare in modo che il messaggio che sta registrando in segreteria arrivi nonostante non si sia campo), ma non sarà difficile per il telespettatore immedesimarsi in Brennan e nelle sue paure.
Tuttavia Bones ci ha insegnato fin dalla seconda stagione che “c’è più di un tipo di famiglia” e quindi anche in questo caso questa famiglia un po’ “disfunzionale” reggerà e uscirà dalla situazione in maniera più forte che mai. Booth cercherà di portare Brennan alla ragione, le dirà di fidarsi di Max e non avrà niente in contrario ad affidargli Christine. Anzi, l’episodio si chiuderà con un Max sull’orlo delle lacrime che si recherà a casa di Booth e Brennan per scusarsi per non essere stato immediatamente rintracciabile. Tuttavia, le sue scuse andranno ben oltre questo perché egli finirà per scusarsi anche per tutti gli errori commessi nella sua vita.
Brennan non potrà quindi che sentirsi un po’ mortificata e dispiaciuta e ovviamente accetterà le scuse di Max, il quale finirà per godersi una bella cena a casa della figlia, mentre coccola la sua nipotina.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: