Il direttore della FOX Kevin Reilly si dimette

Oggi riportiamo una notizia di qualche giorno fa, non direttamente legata a Bones, ma che comunque potrebbe avere delle ripercussioni anche su di esso: la dipartita di Kevin Reilly dalla FOX. Per coloro che seguono la programmazione Americana o seguono altri telefilm targati FOX, sicuramente il nome Kevin Reilly sarà familiare. I meno “esperti” si staranno domandando chi è, ecco — come specificato nel titolo dell’articolo — Kevin Reilly è il direttore del network FOX e in poche parole è colui che gestisce il canale e si occupa ogni anno di rinnovi e cancellazioni. Perché la sua dipartita riguarda Bones?

 

Perché Kevin Reilly, direttore della FOX dal 2007, conosce Hart Hanson e ha sempre amato Bones e capito quanto i fan ci tenessero allo show. Nonostante questo, già qualche mese fa, dopo il rinnovo di Bones per s10, Reilly aveva affermato che quasi certamente questa sarebbe stata l’ultima stagione del telefilm. Più speranzoso si era dimostrato invece il produttore esecutivo Stephen Nathan, il quale aveva lasciato aperta la possibilità per un’undicesima stagione. Ora con le dimissioni di Reilly tutto cambia: innanzitutto non si sa ancora il nome del suo successore, potrebbe sì essere una persona che conosce e supporta Bones, ma potrebbe anche non esserlo. Inoltre, nell’articolo che vi proporremo tra qualche riga, si dice espressamente che le dimissioni di Reilly sono legate ai problemi che la FOX, come canale televisivo, sta affrontando e che si punterà ad un rinnovamento del palinsesto per cercare di porre rimedio alla grave crisi in cui è caduta negli ultimi tempi. Ci viene spontaneo chiederci quindi: in che modo un ipotetico rinnovo di un telefilm vecchio come Bones per una stagione undici aiuterebbe questo processo? Sotto un nuovo “regime” è sempre difficile ottenere un rinnovo, soprattutto visti i costi di produzione sempre più alti con il passare delle stagioni. Queste però sono nostre supposizioni, non c’è nulla di ufficiale. Per ora l’unica cosa certa è che Bones tornerà sugli schermi americani per la decima stagione a Settembre 2014. Dopo questo breve excursus vi lasciamo la traduzione dell’articolo dell’Hollywood Reporter nel quale si parla nello specifico della dipartita di Reilly.

 

Il direttore della Fox, Kevin Reilly, si dimette.
Un successore non è ancora stato nominato. Nel frattempo, gli esecutivi più anziani risponderanno a Peter Rice, presidente del consiglio di amministrazione della FoxNetworks Group.

La Fox Broadcasting si sta muovendo in una nuova direzione.

Il responsabile del settore intrattenimento del network, Kevin Reilly, che è stato a capo della Fox sin dal 2007, lascerà il suo posto alla fine di Giugno. La notizia giunge in un periodo particolarmente difficile per il network che ha totalizzato una stagione piatta nella fascia d’età 18-49 nonostante la messa in onda del Super Bowl – e che ha anche perso la corona per quella fascia che la rete aveva vinto con facilità per quasi un decennio. Al di là del prodotto particolare Sleepy Hollow [ndt: l’unico telefilm che per tutta la stagione è stato in grado di mantenere una media del rating 18-49 superiore al 2.0], la Fox ha fallito il tentativo di aggiungere nuovi show al palinsesto nell’ultimo anno, facendo invece affidamento su commedie di nicchia amate per lo più dalla critica (The Mindy Project, Brooklyn Nine-Nine), drammi in calo (Glee, The Following) e un datato reality show (American Idol). Un successore non è ancora stato nominato. Nel frattempo, gli esecutivi più anziani risponderanno a Peter Rice, presidente del consiglio di amministrazione della FoxNetworks Group.

“La 21st Century Fox è una grande società che mi ha messo a disposizione una varietà di sedie alla testa del tavolo della cultura pop in due gratificanti periodi, dalla FBC (n.d.t. Fox Broadcasting Company) alla FX (n.d.t. Fox eXtended), e sono grato del fatto di aver beneficiato della guida di Peter Rice, Chase Carey e Rupert Murdoch ha detto Reilly in una dichiarazione Giovedì.

“Peter ed io abbiamo discusso questo cambiamento già da un po’ e ora, con un robusto e nuovo elenco di programmi per la prossima stagione e grazie all’energia nei ranghi della FBC, è stato come se il momento giusto fosse arrivato. Non potrei essere meno grato al mio team – un gruppo di persone creative, instancabili e divertenti la cui compagnia mi mancherà.”

La scelta si basa sul fatto che Reilly stava cercando di reinventare il modello ormai datato della stagione dei pilot, la quale secondo lui stava mettendo la rete in svantaggio.  La sua campagna per l’abolizione della stagione dei pilot iniziò con una specie di discorso al “Television Critic Association Winter Press Tour” in Gennaio. “Lo sviluppo del sistema delle trasmissioni è stato costruito in un’epoca diversa ed è altamente inefficiente oggi. Niente di meno di un talento miracoloso può produrre qualcosa di qualità in questo ambiente” ha detto all’epoca. Ha passato i mesi successivi focalizzandosi sullo sviluppo di serie dirette, stagioni più corte e una programmazione da 52 settimane.

“L’innegabile dono creativo e la passione per il talento di Kevin hanno lasciato un marchio indelebile nella compagnia e gli siamo estremamente grati per la sua guida, iniziando da The Shield e Nip/Tuck sulla FX, continuando attraverso Glee, New Girl, The Following, Sleepy Hollow e Brooklyn Nine-Nine sulla FOX” ha dichiarato Rice. “Kevin ed io abbiamo discusso più volte il suo desiderio verso una nuova sfida, mentre al network tutti sentiranno la mancanza del suo entusiasmo per una televisione avventurosa, noi tutti rispettiamo la sua decisione e siamo d’accordo che il momento giusto era dopo la presentazione agli UpFronts. Sono, personalmente, estremamente grato a Kevin per la sua collaborazione durante gli ultimi cinque anni e guardo avanti con la speranza di poter lavorare ancora con lui in futuro.”

Voci di cambi dirigenziali alla Fox giravano insistentemente durante gli UpFronts, quando una manciata di commedie di Reilly non sono comparse nella programmazione come in molti si aspettavano. Diverse fonti suggerivano fosse stato il direttore Rice a bocciare i prodotti di Reilly, perchè Rice aveva più interesse nell’aggiungere prodotti di nicchia all’insieme. Altri hanno suggerito che Reilly, il preferito fra i reporter televisivi per la sua onestà, si sia distaccato troppo dal processo creativo, occupandosi raramente di promozioni e ritardando il ciclo produttivo.
Fino a poco tempo fa, i sette anni di mandato di Reilly alla Fox sono stati contrassegnati da successi cruciali e commerciali, con un portfolio che include gli ineguagliabili giganti 24, House, Bones, Glee e American Idol. Per quasi tutto il suo mandato, lo scopo principale era di assicurarsi che il network raggiungesse il primo posto, per questa stagione, nella fascia più importante, quella dei 18-49 (American Idol ha perso il numero a due crifre nei rating in questa stagione.)

E’ la storia che si ripete, Reilly lascia la Fox due anni e mezzo prima della scadenza del suo contratto, così come aveva fatto nel 2007 quando lasciò la NBC (Reilly fu sostituito da Ben Silverman). Prima della NBC, Reilly aveva avuto un ruolo fondamentale alla FX e molto suggeriscono che lui sarebbe un’ottima scelta per il mondo digitale o la tv via cavo, dato il suo gusto, la sua esperienza e il suo interesse a proposito della direzione verso cui sta andando l’industria [n.d.t. dell’intrattenimento].

Il biglietto di Reilly ai suoi collaboratori
Ai miei amici e colleghi:
ho deciso di dare le dimissioni da Chairman of Entertainment [n.d.t. Presidente del settore Intrattenimento] della FBC, dimissioni che saranno effettive dalla fine di Giugno.
Mentre decisioni difficili devono essere prese ogni giorno, nessuna mi è sembrata così difficile quanto questa. La brillante leadership della Fox, insieme al vostro impegno per l’eccellenza qui alla FBC, ne hanno fatto uno dei capitoli più gratificanti della mia vita.
Io amo la Televisione. L’ho sempre fatto. Sin da quando mia madre mi diceva di non sedermici così vicino e di non guardarla così tanto. Non potevo essere più fortunato nell’avere l’opportunità di presiedere una società così dinamica, collaborare con le persone più creative sul pianeta e far muovere la cultura. E anche di essere al centro di un cambiamento. È un momento interessante della storia dato che l’evoluzione digitale ha portato dei cambiamenti radicali nel comportamento del consumatore. E attraverso tutto ciò, le fondamenta dell’arte televisiva non sono mai state più forti o il mercato più robusto.
Corroborante come l’essere parte di qualcosa, sappiamo tutti cosa significa nutrire ogni giorno la belva mediatica e il rituale mattutino dello svegliarsi con i risultati della notte precedente produce realmente un certo tipo di mania. Il mio primo capo, Brandon Tartikoff descriveva l’essere il presidente di un canale televisivo come “il migliore peggior lavoro del mondo.” Ricordo i primi passi in questo mestiere e il vedere come la routine ha cambiato alcuni esecutivi in cinici brizzolati. E ho promesso di non diventare mai quel tipo di persona. Ho sempre creduto fosse doveroso, nei confronti dei capi del network, portare un ottimismo innocente verso i posti che occupano. Il talento lo merita. E francamente, non fosse così il lavoro non sarebbe nemmeno divertente. Essere freschi e guardare avanti sono alcuni dei motivi per cui credo sia il momento giusto per me di voltare pagina adesso. Come voi ben sapete, miei colleghi, io raramente sono soddisfatto. Ma spero che sappiate anche che sono davvero molto orgoglioso delle cose che abbiamo raggiunto insieme e dell’eccezionale spettacolo che abbiamo portato al successo. Abbiamo portato gli show e le canzoni in testa alle classifiche, abbiamo preso qualche premio, abbiamo avuto successo nel definire e costruire e misurare l’universo delle diverse piattaforme digitali e abbiamo riscritto le regole su come sviluppare, programmare e commercializzare la TV. E credo che il meglio debba ancora venire nella prossima stagione. È stato uno spasso appagante.
Grazie di tutto,
Kevin
P.S. – Non tornate alla stagione dei pilot!

 

Fonte: The Hollywood Reporter
Traduzione: Chris.Tag

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: