Episodio 417 (4×23): “The girl in the mask”

Anche se con un po’ di ritardo, eccoci ad aggiornarvi sulle ultime sides rilasciate.
Episodio con ordine di produzione 417 (che probabilmente sarà il 4×23): “The girl in the mask“, ovvero “La ragazza nella maschera”.
Il caso si sviluppa intorno al mondo della prostituzione “d’alto bordo”, protagoniste due giovani ragazze giapponesi…

TRAMA

Booth e Bones vengono chiamati dalle autorità locali per indagare su un presunto omicidio. Un’auto viene ritrovata in una palude. L’auto appartiene a Sachi Nakamura, una giovane donna giapponese.
Non lontano dall’auto, all’interno della palude, Bones ritrova una maschera giapponese, e la testa di un cadavere.
La vittima è la sorella di un conoscente di Booth, Ken Nakamura, detective di polizia.
La sorella, Sachi, era arrivata negli USA per lavorare, ma Ken mostra a Booth delle foto che fanno pensare che la ragazza lavorasse come modella.
Ken e Booth interrogano il proprietario dello studio fotografico che ha “firmato” le foto di Sachi scoprendo che la ragazza e la sua coinquilina, Kaeda,  si erano rivolte allo studio per convincere il loro capo a fare della pubblicità, ma la cosa è finita male e le due sono state licenziate. Dall’ex-boss delle due ragazze, scopriamo che Sachi e Kaeda erano state licenziate perchè avevano iniziato a lavorare per un servizio di ‘escort‘.
Ovviamente Ken resta scioccato da questa notizia.

Nel frattempo, al laboratorio gli squints, con l’aiuto del dottor Asa Tanaka (anche lui giapponese, amico di Ken e volato a DC per aiutarlo nelle indagini), stanno lavorando sulla maschera ritrovata da Brennan, quando scoprono che la testa di Sachi è stata tagliata dal resto del corpo in una località diversa da quella del ritrovamento, e che la causa della morte è l’annegamento.

Booth e Bones interrogano il gestore dell’agenzia escorts, Donald Sok, il quale rivela che Kaeda, la notte della morte di Sachi, era stata “assunta” da un banchiere di nome Vogler, un tipo piuttosto ambiguo.
L’interrogatorio di Vogler avviene mentre questi si sta facendo fare un “massaggio”.
[La scena che ne segue è molto simpatica :D]
Si scopre che il banchiere spesso si incontrava con Kaeda ed anche che colleziona(va) antichi oggettigiapponesi, tra cui anche una spada che all’epoca veniva usata per decapitare i condannati a morte. Questa spada è stata venduta da Vogler per racimolare qualche dollaro, dopo aver subito pesanti perdite finanziarie.

Al laboratorio, intanto, gli squints (Cam inclusa) cercano di capire se il dottor Tanaka sia un lui o una lei.
Angela riesce a ricostruire il tipo di lama usata per tagliare la testa di Sachi: il coltello con questa lama appartiene a Donald Sok, il gestore della società di escort.
Donald è sicuro di non poter essere accusato di omicidio, perché la causa della morte di Sachi è annegamento, la testa è stata tagliata in seguito, quindi patteggia con Booth e svela l’identità dell’assassino: Vogler, il banchiere. Sachi era andata da Vogler, minacciandolo e dicendo che avrebbe fatto intervenire suo fratello Ken, poliziotto, se avesse fatto ancora del male a Keada e per quel motivo Vogler l’ha annegata.

QUOTES

# Durante l’interrogatorio di Donald Sok
Booth: Sei un pappone. Io odio i papponi.
# E, parlando di lui con altre persone:
Booth: E’ un pappone. Il che rende anche te un pappone.
Brennan: Booth odia i papponi.

# Dalla scena con Vogler e la sua “massaggiatrice”:
Brennan (alla massaggiatrice): Quanto vuole per un massaggio?
Massaggiatrice: 200 dollari
Booth: Bones.
Bones: Cosa? A me sembra troppo. La sua conoscenza dei sistemi scheletrici e muscolari è minima a dir poco. Non è per niente vicina ai romboidi…
Booth: Forse non è quel tipo di massaggiatrice…
(…)
Frustrata, Brennan interviene:
Bones: Dovresti concentrarti sul dorso ilio costale e sul longissimus. E’ lì che la maggior parte della gente accumula tensione. Così.
Brennan sta massaggiando Vogler per far vedere alla massaggiatrice.
Vogler: Wow, perfetto!
Brennan (alla massaggiatrice): Vedi? E’ quello che vogliono.
massaggiatrice: Solitamente no.
Booth: Bones. Non è una vera massaggiatrice. Lei è… sai… una massaggiatrice per il “lieto fine”.
Brennan: Oh. Oh. Oh. Allora dimentica tutto. Anche se comunque penso che 200 dollari siano troppi per un servizio così spiacevole e amorale.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: