Episodio 5×11: “The X in the file”

L’episodio 5×11 sarà il primo ad essere trasmesso dopo lo hiatus natalizio, verso fine gennaio, e anche questo, come la maggior parte di quelli della 5^stagione visti finora, si preannuncia molto molto interessante.
Già il titolo, “the X in the file”, è tutto un programma. Ovviamente un chiaro omaggio/riferimento a X-Files, la celebrissima serie degli anni ’90 creata da Chris Carter.
E, in un certo senso, in questo episodio Booth e Brennan saranno un po’ i Mulder e Scully della situazione: da soli, in trasferta nel deserto ai confini con il Messico e alle prese con un X-file…
E chissà che per l’occasione il nostro amico David Duchovny non torni a vestire per Bones i panni del regista, come aveva fatto per l’episodio 2×11 “Il doppio volto della fede” (Judas on a Pole)

L’episodio è ambientato a Roswell, cittadina americana celebre perchè la leggenda vuole che qui sia precipitato, nell’ormai lontano 1947, un UFO.
Se mettiamo insieme location e titolo capiamo subito che questa settimana Bones e Booth avranno a che fare con gli alieni… o meglio, con chi è convinto che gli alieni esistano.

Blaine Miller, un “cacciatore di alieni”, ritrova nel mezzo del deserto fuori Roswell il corpo di una donna, le condizioni dei cui resti fanno pensare, in un primo momento, che sia un “omino verde”. O meglio…grigio, come direbbe Hodgins.
Ovviamente Brennan ci metterà meno di un minuto a sfatare questa ipotesi.
Si scoprirà infatti che il corpo apparteneva ad Ursula Lapine, una mezza matta conosciuta nella cittadina anch’essa come appassionata “cacciatrice di UFO”.

Caso a parte, il tema che fa più scalpore è sicuramente la nuova relazione amorosa di Angela, che interrompe la sua “astinenza sessuale” con… Wendell!!! Ecco uno scambio tra i due al Jeffersonian:

Wendell: Ho fatto una prenotazione al club. DJ Spider. E poi ce ne andiamo da me?
Angela: Non sono sicura di riuscire a resistere fino a stasera.
Wendell: Stavo bene finchè non hai parlato.
Angela: Ho la chiave per il magazzino dei reperti egiziani…
Wendell: Non al campus, non al lavoro.
Angela: Sei veramente bravo come sembri?
Wendell: Posso essere molto cattivo al momento giusto.

Si guardano attorno per vedere che non ci sia nessuno e si baciano.

Wendell: Abbiamo una lunga pausa pranzo. E c’è un piccolo hotel non lontano da qui…
Angela: E perchè, Mr. Bray…

ridono e stanno per baciarsi quando Wendell vede Cam alla porta.

La nostra Brennan invece è sempre “spaesata” in quanto a cultura pop…

Booth: Ti immagini se trovassimo resti alieni? Di un alieno vero?
Brennan: Tipo di una persona dal Canada o dal Mexico? [Nota: In USA gli immigrati vengono definiti aliens = alieni].
Booth: Perchè devi dire una cosa del genere? Non credi che ci siano altre forme di vita là fuori?
Brennan: Credo che la probabilità sia molto elevata. Ma se avessero l’intelligenza necessaria per compiere viaggi intergalattici, chi glielo farebbe fare di morire in mezzo al deserto?
Booth: Ehi, siamo tutti umani, no? Beh, non loro… ma….

Tornando a Wendell e Angela, il primo vorrebbe tenere la relazione con Angela il più riservata possibile, si pone però la questione Hodgins: non è giusto tenerlo all’oscuro…

Angela e Wendell sono in una stanza d’albergo.

Angela: A cosa stai pensando?
Wendell: Perchè? Ho fatto qualcosa di sbagliato?
Angela: Uno dei tuoi grandi pregi, Wendell, è che sei molto un tipo “quello che vedi è quello che prendi”.
Wendell: Intendi, semplice.
Angela: Sai che non è quello che intendo.
Wendell: Questa cosa tra noi…
Angela: Sei preoccupato perchè Cam sa?
Wendell: No, no… sono preoccupato perchè Hodgins non lo sa.
Angela: Io e Hodgins apparteniamo al passato.
Wendell: Se foste totalmente nel passato, non lo terremmo all’oscuro della nostra relazione.
Angela: Ok, glielo dirò.
Wendell: Se on ti cambia nulla, glielo dirò io, è un mio amico…
Angela: una cosa tipo da uomo a uomo, dritto negli occhi, vero?
Wendell: Qualcosa del genere.
Angela: Okay, faremo a modo tuo.
Wendell: Grazie.

Per concludere, breve scambio B&B prima di un arresto:

Brennan: E’ un deficiente! (al sospettato) Sei certamente un deficiente! Non letteralmente, ma in senso figurato. (a Booth) E’ molto appagante usare un termine colloquiale d’insulto, anche se inaccurato.
Booth: Immagina come ti senti bene quando resistono all’arresto e puoi picchiarli!

4 Commenti

  1. simona

    Booth, Brennan e gli alieni del deserto..
    Sarà una pacchia!!! :-))

    Replica
  2. allanon9

    Magari David Duchovny tornasse alla regia di Bones.
    The judan pole è uno dei meglio diretti secondo me.

    Replica
  3. Sweetest66

    Wow! Concordo con simona… E’ semplice matematica dopotutto:
    Booth&Brennan + alieni + deserto = episodio indimenticabile!

    Replica
  4. LaFanta

    Come faccio ad aspettare gennaio senza Bones? :(

    Replica

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: