Un pomeriggio con Hart Hanson

L’altra sera TV Addict in prima persona è stato tanto fortunato da partecipare al Test Pattern Series al Canadian Film Centre che onorava il proprio compatriota Hart Hanson.
Divertente, interessante ed armato di un sorprendentemente accurato accento australiano, Hanson ha mandato in visibilio il pubblico dei fedeli fan di BONES nel parlare candidamente delle leggi delle alte salite e delle discese vertiginose che si subiscono nel produrre uno degli show più popolari attualmente in onda. Punti che abbiamo fatto del nostro meglio per catturare nel nostro blog dal vivo qui di seguito.

19.50: Il moderatore Richard Crouse (che ha fatto un ottimo lavoro tra l’altro) presenta Hart Hanson e medita sul fatto che debba essere bello per il produttore di BONES guardare un episodio – che in questo caso era “The Maggots in the Meathead” – insieme ad un pubblico. “E’ terribile, viene rivelata ogni singola debolezza dello show,” ha detto Hanson scherzando a metà. “Ma è molto bello sentire le persone ridere, dato che noi pensiamo a BONES come ad un “crimedy” [n.d.t. crimedy è una fusione tra le parole crime=crimine e comedy=commedia] romantico.”

19.53: Nel primo di quelli che poi finirà per essere una serie di fatti divertenti “per noi notizie”, viene rivelato che la genesi del coinvolgimento di Hanson con BONES non viene tanto dalla sua passione per le scienze forensi, piuttosto dal fatto che lui fosse debitore nei confronti della 20th Century Fox di un pilot, dopo essersi liberato di “legal drama”. “E’ stato un veloce matrimonio di convenienza, perché non volevo fare uno show procedurale o basato sulla scienza forense. Infatti ho pensato, sbagliando, che quella nave fosse ormai salpata,” ha spiegato Hanson. “Ci sono un milioni di show basati sulla scienza forense. Certamente non c’era spazio per un procedurale puro. Ma sbagliavo, c’era parecchio spazio e ci ha aiutato a trovare la nostra nicchia.

19.55: Dal dipartimento del “no, ma dai!” viene la teoria di Hanson sul perché lo show sia così popolare tra le donne. “Non penso ferisca David Boreanaz, specialmente se una volta ogni tanto si leva la camicia!” Assicurandosi di aggiungere una nota più seria su quanto la co-star Emily Deschanel abbia importanza per il pubblico, “Ho promesso ad Emily, prima che accettasse il lavoro, che il numero delle volte in cui Booth l’avrebbe salvata, sarebbe stato esiguo. Gliel’ho dovuto promettere, e lo intendevo davvero!

19.57: Hanson dà al più intelligente di un ragazzino di quinta elementare, esecutivo della Fox, Craig Erwich, il merito dell’idea di cominciare ogni episodio con una strana sigla ed uno sconcertante avvenimento. E chiama anche il suo co-produttore esecutivo Stephen Nathan, la sua mano destra. “Stephen Nathan è un vecchio hippie, un uomo di musica e balli che ha davvero interpretato Gesù in Godspell. È veramente il tipo autentico di persona che ama discutere, quindi metterlo contro gli Standards and Practices [n.d.t. lo Standards and Practices è un dipartimento della Fox tradizionalmente risposabile per i contenuti etici dei programmi] della Fox, è uno dei veri piaceri della mia vita.

20.05: Buone notizie: come la maggior parte delle persone ragionevoli, Hart Hanson detesta i serial killer! Cattive notizie: gli esecutivi dei network li amano, perché il pubblico americano sembra non averne mai abbastanza. Un’ossessione che in maniera abbastanza interessante è finita per essere in BONES uno dei più grandi rimpianti per Hanson, [rimpianto] al quale ci riferiremo affettuosamente chiamandolo l’Incidente Gormogon. “E’ stato solo un cattivo esempio di conduzione di uno show,” ha ammesso Hanson. “Il piano originale era che Zack fosse vittima del serial killer, ma poi c’è stato lo sciopero degli autori, che non solo ha abbreviato il nostro anno, ma non ci ha nemmeno permesso di fare la storia come era stata originariamente pensata. E poi mi sono sentito davvero male per l’attore [Eric Millegan], perché avrebbe perso il suo lavoro venendo ucciso. Così ho pensato che se ne avessi fatto il suo apprendista, sarebbe potuto tornare una volta ogni tanto e raggranellare quel denaro. Avrei probabilmente dovuto ucciderlo, ma non ne ho avuto il cuore.

20.10: Fatto divertente, secondo i ricercatori annidati nella nave madre Fox, studi hanno dimostrato che  bastano solo tre episodi di BONES per accaparrarsi uno spettatore. Adesso, senza trovare giustificazioni all’uso della forza verso parenti ed amici costretti a vedere lo show, vi comunichiamo che secondo Hanson “le persone guardano [un episodio] e dicono ‘ok’. Il secondo e dicono ‘questo show non è niente male’. Ma se guardi il terzo ‘ti abbiamo preso’.

20.12: Attenzione redattori di Entertaiment Weekly che al momento raccogliete voti per il più sottovalutato intrattenitore dell’anno. “So di essere di parte, ma penso davvero che Emily Deschanel sia l’attrice più sottovalutata in televisione,” ha detto il creatore dello show. “ogni anno dobbiamo vedere l’adorabile Mariska Hargitay salire e ritirare l’Emmy mentre penso ‘Non deve fare la mossa del granchio a nessuno [riferendosi alla divertente scena dell’episodio che abbiamo appena visto]. Non deve ripetere dei dialoghi che ucciderebbero un qualsiasi essere umano e poi fare anche commuovere.”

20.15: Quale è la cosa più stimolante che avere a che fare con una legione di fan chiassosi? Trovare modi creativi per uccidere le persone ogni settimana! Hasnon ha detto, “Il mio compito adesso, lavorando in uno show che tratta di omicidi, è fare in modo che gli autori mi raccontino una storia dal punto di vista degli assassini, perché mi fa diventare matto quando gli omicidi non hanno un movente. E, francamente, dopo 108 episodi, diventa sempre più difficile non essere ripetitivi.” Cosa che estemporaneamente ci dà un’idea del tutto folle, presupponendo che Hart Hanson legga tutto questo… pronti: quando un autore televisivo viene trovato assassinato, i contenuti del suo Twitter forniscono l’unica traccia, che trasporterà Booth e Brennan nel sempre più bizzarro mondo dei fan online che possono o non possono aver spinto il loro ossessivo amore verso un personaggio fittizio un po’ troppo oltre! Giusto un’idea, senza fare pressioni, ma sentiti libero di dire alla tua gente di contattarci quando vuole.

20.18: E dato che siamo in tema di fan appassionati, l’argomento principale, o almeno quello di cui la porzione dei 25.000 seguaci di Hanson su Twitter sono più curiosi, riguarda l’ultimo interesse amoroso di Booth, Hannah. “Sono giunto a pensare alla storia di Hannah sapendo dove avrebbe portato, ma Katheryn [l’attrice Katheryn Winnick] si è rivelata più interessante di quanto immaginato, quindi abbiamo fatto degli aggiustamenti”, ha detto timidamente Hanson. “Sarò più vago che posso, ci sono persone che iniziano a capire che forse Hannah è stata introdotta per mettere in luce Brennan tanto quanto Booth. Questo è vero e sono lieto che le persone comincino a notarlo quando smettono di gridare, e ci sono parecchie proteste riguardo Hannah. So dove condurrà, ma abbiamo fatto degli aggiustamenti su come ci si arriverà.

20.22: Non c’è bisogno di specificarlo, ognuno ha la sua opinione su come gli piacerebbe che venisse sviluppata la relazione Booth e Brennan. Incluso il molto chiassoso capo della ABC Network (Australia’s Broadcast Network) che, in un recente party della Fox per i suoi clienti internazionali ha avuto la sua da dire, “Non li far sco*re!” ha raccontato Hanson con tanto di accendo australiano davvero credibile. “Non sto scherzando, ha continuato a dire che avrei fatto meglio a non farli sco*re e che avrebbero tutti smesso di guardare nell’esatto minuto in cui li avessi lasciati sco*re!

20.25:In realtà non credo nella maledizione di MOONLIGHTING, ma ciò non significa che non mi comporti come se ci credessi. La questione è, la cosa principale con BONES è quando è passato dall’essere uno show che si occupava di omicidi, ad uno che cercava di capire come rimpiazzare la tensione sessuale non ricambiata tra due persone con qualcos’altro che avesse il medesimo potere, ed è più facile a dirsi che a farsi,” ha detto Hanson sull’argomento che sembra non morire mai. “E’ questo che sta succedendo, ed è meglio che funzioni. Se ho torto e il metterli insieme domani è la cosa che la rimpiazzerà, se ho torto, allora lo show non sarà più mandato in onda, molte persone perderanno il proprio lavoro, e sarà molto, molto triste.

Fonte: The TVaddict.com
Traduzione: omelette73

1 Commento

  1. cristiana67

    MAH, NON E’ CHE sia stato molto chiaro..,vedremo,tanto altro non possiamo fare!!.

    Replica

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: