Geoff Stults parla dell’episodio “The Finder”

Sin da quando il creatore di Bones, Hart Hanson, ha annunciato che avrebbe usato l’episodio del 21 aprile dal titolo “The Finder” per introdurre un personaggio, Walter Sherman , che potrebbe potenzialmente affrontare una nuova serie sulla Fox in autunno, i fan hanno voluto saperne di più su di lui. Fortunatamente Geoff Stults, veterano di Happy Town e October Road, che è stato scelto come l’uomo che può trovare chiunque e qualunque cosa, ha deciso finalmente di parlare. Nell’episodio Booth (David Boreanaz) e Brennan (Emily Deschanel) andranno in Florida per risolvere l’omicidio di una guardia di sicurezza di un museo marittimo e, una volta lì, Booth suggerisce di chiamare Walter per aiutarli a rintracciare una mappa del tesoro rubata.

Bones 6x19 Finder

Scopriremo che anni prima Walter, un ex poliziotto militare, aveva rintracciato Seeley dopo che si era assentato senza permesso quando non gli era stato concesso di andare via per vedere suo figlio Parker per il suo compleanno. “Booth ce l’ha sempre avuta con me per questo, perché io l’ho arrestato e ha sempre voluto farmela pagare,” dice Stults, “ma sa anche che sono molto bravo a trovare le cose.” Booth dice a Brennan che Walter ha un “potere da cercatore”, cosa che Walter dimostra a Brennan trovando qualcosa che per lei è molto importante. “E poi mi innamoro di lei. E lei ha un momento di ‘Aspetta, mi piace?’ – abbastanza da far dire ai fan di Bones , non c’è versooooo. L’ho già visto una volta su Twitter.  E io pensavo, lasciatemi girare la fot…ta puntata prima. Rilassatevi gente,” ride Stults. “Non uccidetemi. Sto solo cercando di fare in modo che il pilot venga scelto.”

Dopo aver sentito qualcosa di più su Walter Sherman pensiamo che ci piacerà. Ecco cosa abbiamo scoperto:

• Stults si è adattato al personaggio perché è un gioco che gli piace giocare “il che sarebbe essere un pochino un bastardo,” scherza. “Ciò che penso è che la cosa bella del mio personaggio è che possa sembrare ciò che Hollywood percepisce come un leader, però lui non si prende affatto sul serio. Il che credo sia persino più interessante. Possono aver fatto di lui il protagonista di uno show televisivo sulla Fox con indosso degli assurdi jeans dentro i quali non riesci nemmeno a piegarti e magliette strette e una bella abbronzatura, ma lui dice cose stupide. È un po’ fuori fase. Il che è molto più divertente da interpretare del ‘Io sono il salvatore. Vi salverò. Vi picchierò selvaggiamente.’ E io ho fatto un po’ di quella roba. O di quell’altra, in cui sei il bravo ragazzo allampanato/testa di rapa. Ti limiti a stare fermo lì e sembrare carino. In questo, Walter è un cretino.”

• Walter ha un leggero danno cerebrale causato da un’esplosione avvenuta su una strada quando era un poliziotto militare in Iraq e che si manifesta con attacchi di paranoia. “Non del tipo che si mette a correre in giro come Tony Shalhoub in Monk. Di fatto lui è un normale, carismatico, divertente ragazzo con il quale stare. È solo molto sospettoso verso il governo e le compagnie telefoniche o verso qualsiasi cosa che possa rintracciarlo o fargli lasciar una scia o possa scoprire ciò che sta facendo. Gli piace vivere fuori dagli schemi.” Se diventerà una serie, aspettatevi che sia più “stravagante” di Bones, più dinamica e neanche lontanamente così tecnica. (Walter non sa come si usi un cellulare).

• Walter ha due persone nel suo team. Leo Knox (Michael Clarke Duncan) è il suo legale, guardia del corpo e migliore amico. “Walter si imbatte in qualcosa, è un ragazzone, può ovviamente difendersi da solo e sa come prendere a calci nel sedere qualcuno e Leo gli deve sempre pagare la cauzione per farlo uscire,” dice Stults, alto circa un metro e novanta. “ma se io comincio o faccio qualcosa di stupido e Leo pensa che sia colpa mia, fa in modo che la risolva da solo e venga malmenato. Non verrà sempre in mio soccorso. Anche lui ha una coscienza.” Leo crede, come Walter, che la speciale capacità di Walter come “cercatore” sia il risultato dell’alterazione del suo cervello danneggiato in quella esplosione – quindi non è un handicap, è un dono. Ike Latulippe (Saffron Burrows) la cattiva ragazza che timona barche, pilota aerei ed è proprietaria del The Ends of the Earth, il bar che è il loro quartier generale – tuttavia – pensa che sia tutta una cavolata e vuole che Walter trovi un aiuto.

• La vibrazione tra Ike e Walter è decisamente di genere materno, dice Stults. Questo non significa che lui non sia un tipo da donne. “E’ la mia battuta preferita nello show. In una delle nostre discussioni, Ike dice ‘C’è qualcun altro oltre me che pensa che l’unica cosa che Walter non riesca a trovare sia un amore duraturo?’ Il che significa che lui si innamora di ogni donna che incontra. Ed è sincero. Lui pensa davvero che quella possa essere la donna giusta. Questa è una delle sue più grandi pecche, ma se me lo chiedete, è anche una delle cose più belle di lui,” dice Stults. È interessante quindi che Walter sia anche leggermente inetto socialmente. In assenza di un filtro, farà delle domande che possono risultare insultanti anche se non è sua intenzione che lo siano. Quindi, ancora, come fa ad essere un tipo da donne?  “In parte perché è sincero. Non ci sono scuse. Qualunque cosa abbia in mente, la dice. Se vede una donna che pensa essere bellissima, glielo dice, ‘Penso che tu sia bellissima.’ E alcune di loro amano questa cosa e altre no, sfortunatamente.” Dice Stults.

• Stults e Duncan dovrebbero avere una buona chimica. I due hanno lavorato insieme nel 2004 in D.E.B.S. e quando sono stati scelti per “The Finder”, Stults ha ricevuto un messaggio vocale da un numero nascosto. Era Duncan che diceva “Vuoi sapere chi sono, richiamami. E non provare a giocare con i miei soldi.” Quest’ultima cosa, dice Stults, era qualcosa che Duncan era solito dirgli in D.E.B.S. e significava di non metterlo nei guai facendolo ridere sul set. “Dicevo qualcosa di stupido e lui veniva beccato a ridere mentre io non ridevo. Questo era ciò che mi divertivo a fare. Quindi, quando alla fine ho parlato con lui, mi ha detto ‘Geoff, sono serio, amico. Non voglio perdere tempo questa volta. È un’opportunità fantastica. Non voglio essere sgridato perché mi hai fatto ridere sul set.’ Quindi, ovviamente, una volta che me l’ha detto, io ho provato a fare ciò che lo avrebbe fatto ridere sul set.”

Nel caso in cui ve lo stiate chiedendo, Stults è in grado di fare una efficace imitazione di Duncan. E anche Duncan lo ha ripagato: l’hotel dove stavano mentre giravano “The Finder” aveva 22 piani e Duncan, con circa 22 chili indosso, lo obbligava a correre con lui. “Ogni 5 piani dovevi fare 20 flessioni e ogni 10 piani dovevi fare 20 salti aprendo e chiudendo le gambe,” dice Stults. “Abbiamo corso su e giù e dopo un paio di volte siamo arrivati in cima e lui aveva un kettlebell. Sostanzialmente è una peso rotondo gigantesco con una maniglia sopra, e lo dovevi  far girare e fare piegamenti e tutte quelle str…te che non ho mai fatto prima. Stavo cercando di fare il duro, ma lui era lì che letteralmente in piedi sopra di me come un sergente istruttore  mi urlava un ‘Fanne un altro! Fallo!’, che gli usciva dalla bocca ed io ero terrorizzato all’idea di non riuscirci. È stato ridicolo. E io ho dovuto far finta di stare bene e sono dovuto scendere giù e comprare del sale di magnesio e metterlo nella vasca da bagno e semplicemente rimanere a mollo per ore.” (Rappresaglia di Stults: se aveva una chiamata [sul set] la mattina presto prima di Duncan, gli bussava rumorosamente alla porta mentre usciva).

• Ricordate come siano state ritardate le riprese per questo episodio? Beh, i produttori non stavano solo cercando di trovare l’uomo adatto per il ruolo, ma stavano anche cercando di convincerlo ad accettarlo e stavano lavorando ai suoi programmi. Stults ammette originariamente di aver detto no alla parte, perché il suo cuore  era legato all’idea di fare un pilot per una commedia della durata di mezz’ora [per episodio]. Ma poi si è detto d’accordo ad incontrare Hanson, il produttore Barry Josephson ed il regista Dan Sackheim. “Circa due minuti dopo essere entrato mi sono detto ‘Oddio, lo faccio.’ Ho capito subito che loro erano il tipo di persone con cui vuoi lavorare. Ero un po’ incavolato in realtà quando sono uscito dalla stanza, perché sapevo che lo avrei fatto,” ride. “Numero uno vuoi essere certo che il progetto ti piaccia, ma forse, anche più importante, che ti piacciono le persone che ti sono attorno. Questo è il modo con cui guardo alla cosa. Non guardo alle cose tipo, ‘Oh, mi renderà ricco? Farà di me una star? Vincerò un premio?’ se tutte queste cose accadono, fantastico. Mi importa? Devo comunque svegliarmi la mattina ed andare a lavoro ed essere contento di farlo. Prima ancora che mi occupi dell’aspetto creativo, e del luogo dove si girerà, e di come sarà e di quanto stretti i miei jeans saranno, devo affrontare il mi piaceranno queste persone? E l’ho fatto. Sono uscito dalla riunione ed ho chiamato il mio manager e gli ho detto ‘Hart mi piace davvero. Lo faccio.’

Anche dopo che l’esecutivo della 20th Century Fox Television ed il presidente della Fox Entertainment, Kevin Reilly, avevano  firmato con lui c’è stato un altro problema: lui aveva già firmato per interpretare l’agente speciale Raymond J. Caffrey per il film di Clint Eastwood J. Edgar. “Hanno dovuto posticipare le riprese di questo episodio di Bones di un paio di settimane per adattare le date con il film J. Edgar. Anche se era un ruolo davvero piccolo Clint Eastwood aveva la priorità. Ecco tutto. Avrei spazzato il pavimento per trascorrere del tempo con lui,” dice Stults “non ho mai chiesto ad un altro attore o ad un regista o a nessuno nell’industria dell’intrattenimento di fare una foto insieme e per tre giorni ho cercato di immaginare come chiederglielo. E finalmente sua moglie è venuta sul set ed in pratica mi ha visto così patetico e che ne volevo talmente una foto che non ho nemmeno dovuto chiedere. Lei fa tipo ‘Ehi, Clint facciamo una foto.’ E io ‘Come lo hai capito?’ e lei mi ha guardato ‘Già, non preoccuparti saccottino di cacca.” [ride] No, in realtà è stata molto gentile.”

Fonte: Ew.com
Traduzione: omelette73

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: