Kathy e Kerry Reichs parlano del futuro di Booth e Brennan

Kathy Reichs e la figlia Kerry sul set di Bones

Kathy e Kerry Reichs sono probabilmente le due sceneggiatrici più “VIP” della writers room di Bones.
Kathy Reichs, come tutti voi certamente sapete, è la vera antropologa forense su cui si basa il personaggio di Temperance Brennan nel telefilm. Oltre ad esaminare scheletri e ad insegnare in varie università, Kathy Reichs è anche una scrittrice di successo, che scrive romanzi (best-seller a dire il vero, impossibile che non li abbiate notati anche nelle librerie italiane) basati anch’essi sulla sua esperienza di antropologa, con una protagonista che si chiama a sua volta Temperance Brennan, ma che è un personaggio decisamente diverso dalla Bren della serie [Leggi il nostro approfondimento sulle differenze tra i libri e il telefilm]. Kathy è inoltre consulente scientifica del telefilm
Kerry Reichs è la figlia di Kathy, che ha anch’essa intrapreso la carriera di scrittrice e autrice.
Insieme, l’inedito duo ha già sceneggiato due episodi di Bones, nella fattispecie 5×20 “La strega nell’armadio” (The Witch in the Wardrobe) e 9×08 “Il corpo nella diga” (The Dude in the Dam) e la scorsa notte è andata in onda negli Usa anche la loro terza fatica, l’episodio 10×20 “The Woman in the Whirlpool”.
Proprio di quest’ultimo, madre e figlia, hanno recentemente parlato con BuddyTv in una lunga intervista di cui vi avevamo postato la prima parte qualche giorno fa, in cui Kathy parlava del suo essere antropologa forense, affrontando gli aspetti positivi e negativi della sua professione. In questa seconda parte, invece, insieme alla figlia Kerry ci parla dell’episodio che è andato in onda ieri sera.

L’episodio 10×20 “The Woman in the Whirlpool” lega l’idrodinamica applicata alle ossa e il mondo dei collezionisti di biscottiere. In aggiunta, il punto di vista dei collezionisti ossessivi permette una comparazione con la dipendenza dal gioco di Booth ma anche con i comportamenti ossessivi di ogni personaggio.

Cosa hanno in comune i collezionisti di biscottiere e la dipendenza dal gioco d’azzardo?
KATHY: “Come in ogni episodio, anche qui viene commesso un crimine, ma volevamo sondare un ambito differente da quelli già esplorati in altri episodi. Dopo esserci tuffati nel mondo del bowling, delle sale da ballo, delle motociclette, del mini golf e del kayak, stavolta tocca a quello dei collezionisti compulsivi. La mania di collezionare oggetti ha delle caratteristiche simili a quella degli accumulatori [visto in 5×22 “Una nuova vita”], ma è chiaramente differente. Si presta a domande interessanti sul contrasto tra biologia e psicologia, dandoci modo di esplorare come Brennan, Booth e gli Squint possano affrontarle in questo particolare momento. E dato l’arco narrativo della dipendenza dal gioco d’azzardo di Booth, un episodio sui comportamenti ossessivi/compulsivi calzava perfettamente.”

KERRY: “Puoi anche percepire, in un certo modo, che tutti i personaggi in laboratorio sono ossessivi a loro modo. Ad esempio, Brennan è ossessiva nel perseguire la giustizia, Hodgins è ossessivo nel suo amore verso le cimici, la melma e la scienza. Ognuno di loro ha la propria ossessione. A che punto, però, questa valica il confine fra la passione e la mania?”

Ed ecco che arriva la dipendenza dal gioco d’azzardo …
KERRY: “Con Booth che affronta la sua stessa dipendenza, diventa interessante avere queste conversazioni, guardare come i personaggi affrontano le loro compulsioni in maniera più o meno salutare. In questo episodio impariamo qualcosa di più a proposito delle vite private degli Squint, incluse le loro abitudini in merito al collezionismo. Uno dei personaggi, in particolare, rivela di avere una collezione piuttosto impressionante…qualcosa di “incredibilmente scientifico e nerdy.”
Ovviamente la mia mente ha pensato subito ad Hodgins, ma sarebbe troppo ovvio.

In che modo, secondo voi, Brennan affronta la dipendenza di Booth in questo episodio?
Abbiamo visto come, in 10×15 “The Eye in the Sky”, Brennan abbia realizzato che Booth soffre (ancora) di una dipendenza. Come possono le sue conoscenze scientifiche e le sua esperienza su quello che lui ha passato arrivare al suo cuore e aiutarla ad affrontarlo?

KERRY: “Questo è il punto focale per Brennan nel capire come reagire alla dipendenza di Booth. Ed è una delle cose che effettivamente abbiamo utilizzato come ostacolo pensando alla vittima di questo episodio: la sua ossessione alla collezione è legata a un impulso fisico oppure…”
KATHY: “…ha una spiegazione di natura puramente psicologica?”

Quanto a fondo deve andare Booth prima che lui e Brennan possanotornare alla normalità?

KATHY: “Questo è esattamente ciò che vogliamo che i fan si chiedano e proprio per questo non lo rivelerò. Posso solo dire che Booth sta attraversando un brutto momento. E con lui anche Brennan, ovviamente.”
KERRY: “E questo si capisce anche dal fatto che questa storia della dipendenza dal gioco d’azzardo va avanti da qualche episodio ed è ancora un problema. Di certo non si risolverà in un breve lasso di tempo, ma continuerà in un arco di più episodi”.

Quali alte ripercussioni avrà lla dipendenza di Booth?
Il fandom vuole sapere se Booth e Brennan torneranno mai ad essere quelli di sempre. Questo è qualcosa di cui nemmeno gli autori parlano per diverse ragioni. Parte della bellezza della vita riguarda il viaggio, non la destinazione. Apprezzo la sorpresa, in quanto fan di Bones, che riguarda la mia coppia preferita.

KERRY: “Quello che vedrete crescere in questo arco di episodi è molto rivolto anche ad avere Brennan e Angela valutare le situazioni che si trovano a dover affrontare per via del loro lavoro. Brennan rifletterà che lei e Booth sono stati coinvolti in (più di) una sparatoria, che suo marito è finito in prigione, che la loro casa è saltata in aria e adesso c’è questo problema della dipendenza. È questo un ambiente sano per crescere un figlio? In questo arco di episodi la vedremo valutare i cambiamenti degli ultimi anni della sua vita, che è tanto cambiata a livello personale anche solo dall’episodio pilota: ma la sua vita professionale è ancora in grado di bilanciare tutto il resto?”

Cosa ne pensate delle parole di Kathy e della figlia, ora che avete visto l’episodio?
A presto, con l’ultima parte dell’intervista!

Fonte: BuddyTV
Traduzione:
Cristina

1 Commento

  1. Pingback: Kathy e Kerry Reichs: i segreti della writing room | i-Bones

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: