iBones Serial Summer 2015: una mini-maratona da morire con Howard Epps!

L’estate è ormai alle porte e cosa può esserci di meglio se non proporvi una mini maratona a settimana, per 5 settimane, con tutti, ma proprio tutti, i serial killer apparsi nella nostra serie preferita?
Abbiamo pensato di prendere seriamente il compito fornendovi un elenco di episodi e dandovi qualche interessante informazione su tutti i più crudeli e sadici assassini che hanno avuto, negli anni, la sfortuna di incrociare la loro strada con il nostro magnifico duo. E quale occasione migliore di questa per provare a giocare un po’ anche con la realtà e cercare di immaginare che tipo di serial killer sarebbero stati i nemici numero uno del team del Jeffersonian se fossimo nella vita reale e non nella finzione di uno show televisivo?


Come nella migliore tradizione di Bones, inoltre, non va dimenticato che questi episodi al cardiopalma hanno quasi sempre segnato tappe fondamentali della vita di Booth e Brennan e che quindi, oltre a farci passare la notte insonne, questi sadici assassini ci hanno anche regalato alcuni dei momenti più intensi visti nella serie, il che, ne siamo certi, sia un ottimo incentivo per riguardare questi episodi e condividere le vostre impressioni.

Quindi, siete pronti a giocare con noi?

I serial killer sono divisi in 5 diverse categorie

  1. Visionario
  2. Missionario
  3. Edonista
  4. Del controllo del potere
  5. Lussurioso

 

Il primo serial killer che Booth e Brennan trovano sulla loro strada è Howard Epps.
Episodi:
1×07 “Condannato a Morte” (The Man on Death Row)
2×04 “Il Gioco del Serial Killer” (The Blonde in the Game)
2×12 “Gli Enigmi” (The Man in the Cell)

Modus operandi:
Howard Epps dà la caccia a giovani donne bionde, che associa al concetto di purezza. Le uccide con una chiave inglese dopo averle picchiate e ne lega mani e piedi, per poi seppellirle a faccia in giù.

Epps può essere considerato un assassino di tipo “edonista”, si distingue cioè per il piacere che prova nell’uccidere. Il suo scopo è un vero e proprio “orgasmo omicidiario” che lo porta a controllare la propria vittima e giocarci come il gatto con il topo. L’uomo infatti non arriva mai a approfittare sessualmente delle sue vittime e non può essere quindi considerato del tipo “lussurioso” o lust killer, ma sicuramente nei suoi atti c’è una forte componente sessuale, legata anche alla scelta di vittime che rappresentino appunto il concetto di purezza.

 

 

Che voto dareste a Howard Epps?

 

a cura di: Teresa Soldani

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: