Writer’s Block – Il blocco dello sceneggiatore

É il periodo di Natale, una pausa dalla quotidianità di tutti i giorni, di vacanze da trascorrere con gli amici e la famiglia. Un periodo che ha i suoi parametri, le sue regole: ricordi che vengono ricostruiti e migliorati, nella nostra mente, dopo anni di condizionamento. Ci permettiamo di provare le emozioni più intime attorno al famoso albero di Natale e poi, come gli ornamenti dell’anno precedente, li togliamo e li mettiamo in una scatola, per esaminarli poi l’anno successivo, a volte per molti anni di seguito.
In questo episodio Brennan, Booth e il gruppo degli squints sono costretti a trascorrere il Natale insieme, bloccati in un posto da cui non possono uscire, non dissimile da alcuni dei nostri ritorni a casa. Arrivano a farsi il loro albero, i loro regali, la loro idea di ciò su cui il Natale dovrebbe basarsi. Ci sono i compromessi e la comunicazione necessaria che rivelano sia amicizia che segreti. Devono affrontare i Natali passati per sopravvivere a quello presente.
É una lezione dura per Brennan, che, risolvendo il mistero di un uomo morto cinquant’anni prima, ripristinerà -insieme ai suoi amici- il significato di una promessa d’amore per un’anziana donna e garantirà il futuro di una giovane ragazza.
Vediamo attraverso gli occhi di Brennan la sua difficoltà nel momento in cui tutti si scambiano i regali perchè per lei significa trovare la fede nell’unica cosa che la scienza ha giudicato impossibile da misurare: l’amore. Quel tipo di amore che non si allontana nemmeno quando le persone più importanti per noi invece lo fanno…

scritto dallo sceneggiatore di questo episodio, il creatore della serie Hart Hanson

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: