Visita al set di Bones

Avete letto bene, la nostra – mia e di Chemistry – spedizione statunitense, cominciata con la cocente delusione di non vedere il cast di Bones alla Comic-Con, ha finito per concludersi con la visita al set di Bones!
Capirete che siamo ancora emozionate per gli eventi, ma cercherò comunque di raccontarvi in dettaglio i particolari di questa spedizione…
La prima domanda che mi viene normalmente posta è: come siete entrate?
Diciamo che ci sono arrivata grazie ad un membro della mia famiglia che lavora per i Simpsons e di conseguenza per la FOX, non starò ad entrare nei dettagli per una questione di discrezione, ma vi basti sapere che l’unico modo di valicare quei cancelli è conoscere qualcuno, altrimenti – purtroppo – è praticamente impossibile.
La notizia che saremmo entrate ci è giunta inaspettata il giovedì pomeriggio e venerdì alle 15 eravamo pronte per la nostra avventura.
Siamo entrate direttamente nel famigerato Fox Lot e abbiamo parcheggiato dopo i dovuti controlli della sicurezza, dopo di che ci sono venuti a prendere con un golf cart ed abbiamo cominciato il nostro giro.

Ingresso Fox Studios

Prima tappa: stage 9, con la visita all’appartamento di Booth (molto più grande di quello che non immaginassimo), i cui mobili, tranne il letto, erano coperti da teli di plastica, perché se non usano un set evitano così che tutto si riempia di polvere. Sempre nello stesso Stage abbiamo visto il set della vittima dell’episodio 702 che avevano finito da poco di girare (niente foto per ovvi motivi, troppo spoiler) e quello con gli uffici dell’FBI.

Ufficio Booth

Ufficio Booth

Corridoio FBI

Subito dopo ci siamo dirette sul set di The Finder ancora in costruzione e devo dire che i tecnici lavorano ad una velocità sbalorditiva e poi Erin (la nostra guida) ci ha condotte al negozio della FOX per comprare qualche cosa Bones/related, ma come al solito non c’era quasi nulla, solo due magliette (una con il logo del Jeffersonian e l’altra con la scritta BONES)  ed una tazza, sempre con la scritta Bones, che naturalmente abbiamo comprato!

Dopo di che ci siamo dirette verso lo Stage 6, quello dove si trova il set del Lab, lo stesso dove a suo tempo fu girato anche X-Files e lì abbiamo atteso che Emily finisse la sua scena per entrare.
Ci hanno fatto aspettare che uscisse, dicendo che evitano di farle incontrare gente ora che è incinta, per farla stare più a suo agio possibile, ma l’abbiamo comunque vista passare, anche se siamo state brave e non abbiamo fatto richiami di nessun genere.
Nonostante possa sembrare una richiesta eccessiva, va tenuto conto del fatto che lavorano dalle 12 alle 13 ore al giorno ed ora che Emily attende il suo primo figlio, si stanca in maniera particolare e nonostante il dispiacere di non averci parlato ci siamo comunque accontentate di vederla passare, anche se TJ poco dopo, ci ha detto che se avesse saputo che eravamo lì, certamente ci avrebbe salutate.

Poi è cominciato tutto e siamo entrate nel Lab (il set è ECCEZIONALMENTE bello e grande) e abbiamo incontrato T.J. Thyne (Jack Hodgins), che ci ha accolte con un abbraccio e che per le 4 ore successive (avete capito bene, siamo rimaste lì dentro 5 ore in tutto e siamo andate via quando la troupe aveva finito di girare), ci ha trattato come amiche e dimostrandosi di una gentilezza che va al di là dell’immaginabile.

Chemistry, TJ e la sottoscritta

Prima che cominciassero a girare la scena in programma per la giornata, la nostra guida ci ha lasciate nelle mani del cast e di T.J. ed è andata via, dicendoci di restare quanto volevamo, che avrebbero approntato per noi delle sedia alle spalle del regista e che avremmo visto come si svolge una giornata di lavoro sul set, spiando le scene dagli schermi in cui guarda lo stesso regista e ascoltando TJ ed il nuovo Intern recitare usando le cuffie, proprio come veri membri della troupe.

Sulla sedia di Tamara Taylor

TJ ci ha subito accompagnate nell’ufficio di Angela, e prima che cominciasse a recitare siamo state 15 minuti circa a parlare con lui.
Ci ha chiesto di noi, di cosa facessimo nella vita e di come fossimo giunte a guardare Bones e noi gli abbiamo parlato di iBones e della nostra community italiana e devo dire che lui si è innamorato dell’idea di queste persone che si incontrano su Internet e creano legami di amicizia grazie ad uno show, come è rimasto molto impressionato dal lavoro che c’è dietro al sito, gli aggiornamenti costanti e le traduzioni. In verità non finiva mai di farci domande in merito. Un’altra cosa che ce l’ha fatto amare all’istante, è stato che, mentre ci raccontava del suo lavoro, ci ha chiesto se parlava troppo velocemente e vi assicuro che una premura del genere ha dell’incredibile, dato che in 20 giorni di permanenza negli USA, è stato l’unico ad averla.
TJ ci ha raccontato di come funziona il suo lavoro, che usano un paio di telecamere per girare e che quindi ripetono una scena un’infinita quantità di volte per riprenderla da ogni angolazione. Noi abbiamo visto girare una sola scena, ripetuta per circa 30 volte!
Ci ha detto che impiegano 9 giorni a girare un intero episodio e che le scene non vengono fatte in modo sequenziale, la parte difficile del suo lavoro sta quindi nel mantenere lo stesso “mood” in due scene che si susseguono e che casomai vengono girate a 4/5 giorni di distanza l’una dall’altra.
Altro elemento non trascurabile è che quando girano, nella stessa stanza ci sono almeno 10/15 persone e vi assicuro che mantenere una certa intenzione recitativa o intensità, non è un compito facile per un attore, perché le fonti di distrazione sono davvero illimitate, il che me li fa ammirare persino di più.

Jeffersonian Institution

Il set del Lab

L’ufficio di Cam

Ufficio di Brennan

Ufficio di Angela

Stanza delle ossa

Scala dell’episodio 3×15

Quando lo hanno chiamato per la sua scena, T.J. ci ha fatte accomodare sulle sedie e da quel momento in poi, ad ogni pausa tra una ripresa e l’altra, è sempre venuto da noi, portandoci a vedere ogni angolo del set, offrendoci da mangiare e trattandoci veramente con una familiarità e cortesia che ancora mi sorprendono. Quando ha saputo che non avevamo mangiato nulla dalla sera precedente (gli abbiamo confessato di essere state troppo emozionate per farlo), ci ha portato nell’angolo dove tengono cibi di ogni genere per gli attori e ci ha comunicato che dopo mezz’ora avrebbero servito la cena e che naturalmente eravamo invitate a mangiare con loro… e indovinate cosa c’era da gustare?
Thai food
!

L’angolo delle “schifezze”

E’ stata una giornata davvero incredibile, ogni singola persona in quel set è stata di una gentilezza da levare il fiato ed è difficile ancora mettere in fila tutte le sensazioni provate, ma ciò che è certo è che sia io che Lidiana ogni tanto dovevamo prenderci a pizzichi per ricordarci che eravamo davvero lì, tanto T.J. ci ha fatte sentire a casa ed a nostro agio. Dopo un’ennesima pausa ci ha portato nella stanza delle ossa, si è levato il camice, che ci ha fatto indossare a turno e con delle provette si è messo persino a giocare con noi, in modo che facessimo delle foto divertenti.

TJ e Lidiana

TJ, Lidiana ed io

Lidiana, TJ ed io

T.J. ci ha anche domandato quale fosse il nostro episodio preferito, Lidiana ha risposto senza esitazione il 100°, io ho provato a nicchiare, perché è una domanda a cui ho sempre avuto una certa difficoltà a rispondere, ma lui mi ha praticamente costretta, allora ho detto “The Verdict in the Story” e quando mi ha domandato perché, gli ho spiegato che mi piacciono molto gli episodi in cui si parla di “famiglia” in Bones, anzi, gli ho spiegato che questo è l’aspetto che prediligo dello show. Ovviamente ci sono B&B al centro di tutto, ma amo molto che siano riusciti a farmi interessare alla vita di ogni singolo personaggio, che si parli di una famiglia insomma e che appunto la coralità del TF è ciò che più apprezzo. Che sono curiosa di conoscere la vita di Hodgins ed Angela come quella di B&B insomma e devo dire che lui è rimasto zitto un attimo, mi ha guardata e ha detto che gli era piaciuto molto quello che avevo detto.
*vi autorizzo ad immaginarmi completamente gongolante, perché è ciò che è successo davvero!*

Quando hanno purtroppo chiuso con l’ultima scena – erano ormai le 20.30 – T.J. ci ha chiesto di aspettare, è sparito per qualche momento e si è ripresentato con due cartelline del Lab, con il simbolo del Jeffersonian, quelle che usano per i casi per intenderci, regalandocene una a testa, prima di salutarci con un ultimo abbraccio.
A chi avesse questa curiosità, non abbiamo chiesto a T.J. un autografo, ma vi assicuro che dopo tanto tempo trascorso così a stretto contatto, sembrava quasi una cosa superflua da fare, come se chiederlo potesse mettere tra noi una distanza che non c’era stata per tutta la giornata.

Cartellina del Jeffersonian

E’ stato un sogno, una giornata che, a tutti gli effetti, non dimenticheremo e che ha chiuso questa vacanza in maniera stellare e del tutto inaspettata.

Qualche nota divertente?
Mentre eravamo nell’ufficio di Brennan, TJ ci ha raccontato che sono soliti scriversi le battute da dire mentre recitano un po’ ovunque, soprattutto nelle cartelline del Jeffersonian e mentre ce lo diceva le sfogliava per farci vedere un esempio, fino a che non incappa su una nota scritta a mano da Emily che recita “Hannah cancelled” (cioè Hannah cancellata). Io e Lidiana non abbiamo trattenuto un suono di disgusto e TJ ha chiesto se non ci fosse piaciuta Hannah.
Naturalmente abbiamo risposto di no e T.J. ha ribattuto:
Non piaceva a nessuno!” … anche se poi è corso ai ripari con un più politicamente corretto “…però ha dato vita a delle occasioni molto belle per la serie,” ma ormai il ‘danno’ era fatto e l’ammissione resa. L’abbiamo amato anche per questo!

T.J. si è rivelato un cicerone ed un ospite perfetto oltre ad essere una persona davvero speciale, ha anche mandato questo Twitter quando gli abbiamo chiesto di salutare voi di iBones che eravate in Italia:

Per quanto mi concerne posso solo dirvi che dopo pochissimo tempo che eravamo con loro mi sono quasi dimenticata di dove fossi, cominciando a sentirmi davvero a casa. Ci siamo persino sentite ringraziare più volte perché guardavamo lo show!
Io e Lidiana ci eravamo persino date un orario oltre il quale non rimanere, per non arrecare eccessivo disturbo, ma vi garantisco che ogni volta che facevamo il gesto di prendere la borsa compariva qualcuno a chiederci “non vorrete mica andare via!” e noi, ubbidienti, che avremmo potuto fare se non rimanere fino all’ultimo secondo disponibile?

Tanto per concludere l’avventura con i fuochi artificiali, Lidiana ed io abbiamo deciso, una volta tornate in Italia, di ringraziare TJ e la troupe di Bones per il modo spettacolare in cui ci hanno trattate e per la gentilezza dimostrata nei nostri confronti ed abbiamo spedito loro una pianta accompagnata da un palloncino a forma di smile e questo bigliettino Thank you for letting us live a dream, to you and to the awesome crew of Bones. We will never forget. Grazie dall’Italia.Teresa (@omelette73) e Lidiana (@chemistry82) [=grazie per averci fatto vivere un sogno, a te ed alla fantastica troupe di Bones. Non lo dimenticheremo mai. Grazie dall’Italia (@omelette73) e Lidiana (@chemistry82)] e questa, ieri sera, è stata la risposta dolcissima di TJ su Twitter quando ha ricevuto il nostro pensiero.

Fra le mie cose nel mio trailer nel Fox lot, c’è un nuovo arrivato. Una scatola del tesoro piena di fiori profumati & uno smile…

Grazie @omelette73 e @chemistry82. Prego per il vostro “Tour TJ dello stage 6”. Noi di Bones siamo fortunati ad avere fan come voi. Grazie!

24 Commenti

  1. Aurora

    Io amo quest’uomo *___*

    Replica
  2. Angel

    che dire..leggervi e’ stato bellissimo…mi sono emozionata…commossa…mi sembrava di essere li con voi..non oso immaginare quello che avete provato..quando siete entrate…:)vedere TJ…e la sua gentilezza…grazie ancora..mi avete dimostrato che a volte..forse i sogni diventano realta’..^_^

    Replica
  3. Steffi

    wow..che emozione!!!!

    Replica
  4. Chiara

    Ragazze che bella esperienza!Grazie mille per averla condivisa con noi!

    Replica
  5. Silvia

    Wow!!!!!! Anche a me sembrava di essere lì con voi… Che emozione…

    Replica
  6. Elijah_adam

    Aiuto… mi sto mangiando tutte le unghie x l’invidia…

    Replica
  7. Patty

    Bellissimo resoconto! Vi invidio e soprattutto è bellissimo come si sia dimostrato disponibile e simpatico TJ! Invidia a mille naturalmente :D. Bellissimo il set anche dalle foto, non immagino dal vivo. Grazie :)

    Replica
  8. silvia

    ;) grazie ragazze x averci raccontato questa esperienza favolosa!! pero’ un po’ d’invidia c’è…. :)

    Replica
  9. Anna Maria

    sono molto contenta di aver avuto la prova che TJ è simpatico gentile e “forte” perchè è proprio questo che pensavo di lui! siete state proprio fortunate e avrei voluto essere lì con voi!!! che bello! grazie di averci raccontato con parole e foto la vostra invidiabile esperienza, l’ho vissuta un po’ anch’io di riflesso!

    Replica
  10. marco

    gli attori americani sono fatti di un’altra pasta.
    complimenti per l’indimenticabile (scommetto) esperienza.
    grazie per averla condivisa con i fan:)

    Replica
  11. fra

    E’ il migliore…mi fa morire ;)

    Replica
  12. Silvia P.

    Ragazze, siete state grandi!!!!Immagino che dopo un’esperienza simile, sia difficile ritornare con i piedi per terra!!

    Replica
  13. Federico G

    Grande, grande resoconto!

    In casa abbiamo scoperto bones in ritardo ma stiamo recuperando (siamo tra S4 e S5). E’ un gran show.

    Avete avuto modo di raccontare a TJ del doppiaggio italiano?

    Replica
  14. vivi85

    OMG!!!!! che esperienza io penso che non mi sarei piu ripresa…beate voi!!!

    Replica
  15. omelette73

    @Federico G No, non ne abbiamo parlato.

    Replica
  16. allanon9

    Sono veramente contenta per voi, non vi nascondo che sono un po’ invidiosa, ma solo un po’!!!!
    Avete scattato delle foto veramente belle e vi rimarrà anche un bellissimo ricordo specie di TJ.
    Ma David non c’era? Non nè avete parlato.

    Replica
  17. Omelette73

    @allanon9 David non c’era purtroppo.

    Replica
  18. Matteo

    che bella esperienza , fortunate ad averla vissuta es esservi trovate cosi bene :-)

    Replica
  19. Matteo

    e che bella persona che e’ t.j.

    Replica
  20. smile!

    bellissima esperienza, ma credo che la cosa più bella sia stata conoscere tj e ritrovare in lui, quella dolcezza,quella simpatia,quell’adorabile modo di fare e di guardare che ha il suo perrsonaggio. credo che se fosse stato scontroso e antipatico sarete -e saremmo- rimasti profondamente delusi. perchè, è inutile dirlo, bones è un telefilm,è finzione,ma sapere che queste persone forse sono proprio come noi le vediamo sullo schermo ci fa avvicinare alla realtà e rende le nostre emozioni più concrete e solide. e poi penso che incontrare una persona gentile sia sempre un’esperienza bellissima. brave ragazze

    Replica
  21. Giovanni

    Complimenti per il “colpaccio” e per la fortuna di avere vissuto una giornata indimenticabile.
    Ma soprattutto un immenso grazie per aver condiviso questa vostra bellissima esperienza con noi e per aver saputo descrivere con così profonda intensità e dovizia di particolari quanto successo.
    Leggendovi mi sembrava di essere con voi sul set.
    Grazie

    Replica
  22. Roberto

    Ho letto tutto con molta calma e mi sembrava di essere li con voi! Brave e grazie per aver condiviso con noi questa straordinaria esperienza. Vengo spesso sul forum ed oggi per la prima volta mi sono emozionato leggendo il vostro racconto… ciao ciao e grazie

    Replica
  23. elena

    wowhoo che bellissima esperienza! grazie per averla condivisa!
    ele

    Replica
  24. Pingback: i-Bones.net » Incontro con Tj ed Eric al Paris Manga

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: