Anticipazione e commenti alla trama

Il titolo sarà “The hero on the hold”, ovvero “L’eroe in ostaggio” (o qualcosa del genere)
Vi anticipo solo una cosa: the Graveddiger is back!
…e se la prenderà nuovamente con uno dei nostri(!!!)

Episodio super!
Cerco di riassumerlo, ma sarà difficile.

Ritorna il GraveDigger/Becchino. E se la prende con Booth.
Del teaser non abbiamo sides, quindi probabilmente ci mostrerà come si svolge il rapimento.
Il primo atto si apre con Brennan, Hodgins e Thomas Vega (personaggio già visto in 2×09 “Aliens in a spaceship”) convocati da un giudice, il quale rivela che alcune prove del caso del GraveDigger sono venute a mancare dagli archivi dell’FBI e che se uno di loro le ha prese usando i propri pass e/o contatti con il Bureau è fortemente pregato di riconsegnarle all’agente che conduce l’investigazione.
Tutti i sospetti cadono su Hodgins, il quale, scopriamo, ha sviluppato una vera e propria ossessione verso questo caso.

Si passa direttamente ad una scena dove Bren parla con Hodgins e gli dice che se le prove ce l’ha lui le deve riconsegnare, e lui le risponde (molto evasivo): “Ma te non vuoi catturare il Gravedigger?” e lei gli risponde che in quel momento è più preoccupata di salvare Booth.
Quindi nel primo atto gli squints già sanno che Booth è stato rapito.

Veniamo a Booth. Lui in pratica si risveglia stordito e si ritrova in un sottomarino giallo (credo giocattolo) che è a sua volta all’interno di un grande stanzone, che si rivela essere la stiva di una grande nave, imbottita di esplosivo e collegato ad un detonatore già innescato: Booth ha il tempo contato.
E non è solo. Con lui c’è un tale Teddy Parker, un suo ex commilitone ai tempi dell’esercito, quando faceva il cecchino.
Questo tipo è il famoso compagno a cui si accenna in 1×15 “Two bodies in the lab”, che Booth ha dovuto trasportare sulle proprie spalle…
Scopriamo che Teddy aveva 20 anni quando è morto e che (attenzione!) Booth ha chiamato suo figlio Parker, proprio in memoria di lui.
Il “problema” è che questo Teddy Parker è morto.
Lui lo sa, Booth lo sa, eppure dopo i primi tentativi, non riesce ad ignorarlo e quindi per tutto il resto dell’episodio gli parla e ci si confida come fosse un vecchio amico, mentre cerca un modo per andarsene da quel posto.

La cosa diventa ancor più surreale quando avviene un’esplosione e Booth deve trasportare questo ragazzo sulle proprie spalle…esattamente come fece il giorno della sua morte!
Evidentemente Booth si ritiene ancora responsabile per la perdita del suo ex-subalterno e il suo subconscio decide di riportare a galla questa memoria….

Ritornando a Washington, sembra che i nostri squints portino avanti le indagini a insaputa dell’Fbi (probabilmente perchè il Gravedigger stesso li ha contattati e gli ha chiesto di lasciarne fuori l’Fbi, da come si intuisce in un successivo dialogo..), ma ad un certo punto c’è un’esplosione (non si capisce bene come o perchè) nella quale Vega rimane ucciso e Brennan ed Hodgins riescono a salvarsi solo grazie ad un’intuizione di Angela e l’FBI, nella fattispecie l’ag. Perrotta (interpretata da Marissa Coughlan che già vedremo in 4×13 “The Fire on the Ice”) piomba sul luogo, rinvenendo tracce di reperti del caso del Gravedigger; semplici fotocopie dei reperti ufficiali, a dire degli squints, ma il giudice non è dello stesso avviso ed è talmente arrabbiato con loro che toglie a tutti quanti l’accesso alle prove del caso Gravedigger e affida il caso a un altro team forense, rifiutando persino la richiesta di Brennan di esaminare i resti del cadavere di Vega.
Solo a quel punto Brennan si rivolge a Jared, il fratello di Booth (interpretato da Brendan Fehr, già visto nell’episodio 4×09 “The con man in the meth lab”), informandolo del rapimento del fratello e chiedendogli di rubare il cadavere di Vega in modo che lei possa esaminarlo.
Jared risponde che lui non è un tipo che fa di queste cose, allora Brennan lo insulta, colpendolo evidentemente nel vivo, perchè riesce infine a convincerlo.
Dall’analisi del cadaver di Vega, Brennan scopre che il Gravedigger (o chi per lui) deve essersi rotto delle costole durante l’esplosione in cui anche loro erano stati coinvolti (e quasi uccisi) e quando si ritrova all’FBI da sola con Jared e la tipa a cui è stato affidato il caso, la tocca sul costato e questa fa una smorfia di dolore, quindi Bren dice a Jared che lei è il Gravedigger. Lui le chiede: “Puoi provarlo?“, lei gli dice di no, allora lui prende la tipa per la gola e chiede a Bren se ha un posto dove rinchiuderla (…)

Nell’ultima side di Teddy Parker, il ragazzo rivela a Booth che in realtà non deve sentirsi responsabile della sua morte, perchè lui (Booth) gli aveva detto di abbassarsi, ma il ragazzo non gli aveva dato retta e aveva voluto guardare un’ultima volta…

Scene finale: come supponevamo, la nave in cui Booth è rinchiuso è reale, mentre non lo è il “fantasma” di Teddy, probabilmente frutto del sub-conscio di Booth.
Ad ogni modo, alla fine Brennan e Jared arrivano con un elicottero a salvare il povero Seeley, e non appena lui sale a bordo Brennan “lo afferra e lo tiene stretto. Jared guarda i due mentre si abbracciano“.
Sembrerebbe un lieto fine.
Ma poi l’elicotterista informa Jared che una volta a terra sarà consegnato alla polizia militare.
Che diavolo hai combinato, questa volta?!?” gli chiede Booth.
Già, che hai combinato stavolta, Jared?

E poi che succede? Non lo sappiamo, le sides non ci dicono altro, ma sospettiamo che la vicenda del Gravedigger non si esaurirà in questo episodio. Probabilmente proseguirà, molto probabilmente nell’episodio subito successivo a questo.
La domanda è: come riusciranno a salvare Booth? Sarà ferito? Ma soprattutto: il Gravedigger è veramente quell’agente donna incolpata da Brennan?
Lo scopriremo solo con le prossime sides! ;)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: