Stephen Nathan sul nuovo cattivo di Bones e molto altro

Hey, fan di BONES! Sapendo che la premiere della decima stagione ha causato molto shock nel fandom, il “capo” Stephen Nathan ha deciso di aggiungere qualche dettaglio in più e fornire risposte su alcune scottanti domande.

Ad esempio su ciò che la morte di Sweets potrà significare per Booth e Brennan e tanto altro. Continuate a leggere per scoprire cosa ha detto ai giornalisti in una conference call su tutto questo e sul resto della stagione. (Nota: contiene spoiler minori per l’episodio della scorsa settimana “The Lance to the Heart“)

Sulla decisione di avere sulla scena proprio Booth e Brennan quando è morto Sweets: 

“La situazione era molto dolorosa per noi e quindi abbiamo cercato di trattarla con tutto il rispetto possibile. Sweets, Booth e Brennan sono diventati molto vicini, specialmente negli ultimi anni. Quindi dovevano essere loro due a trovarsi lì quando è morto. Booth stava avendo una crisi, così come Booth e Brennan come coppia, visto che Booth era appena uscito di prigione. Si è trattato di onorare il personaggio di Sweets ed è stato un gesto estremamente nobile che le sue ultime parole fossero dirette a Booth e Brennan, esprimevano la preoccupazione [di Sweets] per il suo amico. Era preoccupato per Daisy e in quel momento anche per Booth. Voleva che Booth non perdesse la sua fiducia nel mondo, anche mentre lui stava morendo.”

Su ciò che volevano ottenere con la scena del funerale nell’episodio della scorsa settimana:

Questi due episodi sono un “episodio diviso in due parti” nella maniera più classica. C’è la trama principale della cospirazione, ma poi c’è tutta la parte ancora più importante su uno dei nostri amati personaggi che lascia la famiglia. Quindi volevamo gestire la sua dipartita in un modo che onorasse anche la sua memoria e che mostrasse quanto i nostri personaggi sono cambiati e cresciuti grazie al loro contatto con Sweets.”

Sul duecentesimo episodio:

“Sarà un episodio diverso da tutti gli altri che abbiamo fatto. Cercheremo di chiamare tutte le persone importanti che hanno fatto parte di Bones…O meglio, tutte quelle che possiamo. Ci sono alcune limitazioni ovviamente, limitazioni che non possiamo aggirare, ma volevamo davvero fare un piccolo regalo ai fan, alle persone che hanno guardato Bones per 10 anni, o anche 3, 5 o 6. Questo piccolo regalo mostrerà i personaggi in una situazione in cui non si troverebbero mai normalmente. Li vedremo da una prospettiva diversa. Non si tratta di un sogno, ma è unico. Dal punto di vista visivo sarà qualcosa che non abbiamo mai visto in Bones… e anche stilisticamente sarà qualcosa che non abbiamo mai visto in Bones.”

Sul personaggio di John Boyd (James Aubrey) e se Booth si aprirà mai con lui:

Anche se Booth, Brennan e gli squint devono riprendersi dagli eventi del finale della nona stagione e dell’inizio della decima – la vita deve andare avanti. Ma è una situazione molto difficile, specialmente per Booth. La sua fede, la sua fiducia nelle istituzioni a cui ha dedicato tutta la sua vita, vacillano. Quindi ha dei grandi problemi di fiducia, andando avanti. Ed è proprio Aubrey il bersaglio di tutto ciò. All’inizio. Booth supererà tutto questo solo come meglio può: ovvero con Brennan e il suo aiuto. Ma non andrà avanti poi così a lungo. “BONES non diventerà uno show deprimente, dove [i personaggi] si scontreranno con questi demoni per tutto il tempo. Ma dobbiamo pur sempre affrontare ciò che è successo. Nei primi tre o quattro episodi, Booth dovrà imparare a fidarsi di Aubrey. E Aubrey dovrà guadagnarsi la fiducia di Booth. È una situazione cinquanta e cinquanta.  Torneremo al Bones di sempre molto in fretta. Sì, siamo un procedurale, sì, le persone vengono uccise. Ma il nostro show è anche divertente, romantico, bizzarro — e tutti questi aspetti dello show ritorneranno. Conosceremo meglio Aubrey nei primi cinque o sei episodi, perché sarà un membro molto importante per la squadra e anche per la famiglia. È un tipo strano, ma è anche un agente brillante. Non è spaventato. Sweets all’inizio era molto intimidito da Booth. Sweets era così giovane quando ha iniziato e voleva trovare il suo posto. Voleva assicurarsi che stesse facendo la cosa giusta. Aubrey, lui è qualcuno che si butta a capofitto nelle cose. E allo stesso tempo, Booth imparerà a fidarsi di lui perché è davvero un bravo agente.”

 Se questa cospirazione (Pelant -> Ghost Killer -> Cospirazione dell’FBI) porterà a qualcos’altro o se ogni caso sarà un omicidio a sè stante:

C’è sempre qualcosa di nuovo lì fuori. Posso dire tranquillamente che c’è qualcos’altro che li aspetta. Non credo che un mondo fatto di omicidi semplici sia mai esistito, per quanto orribile. Penso che avremo bisogno di qualcosa di più cattivo. E arriverà. Potrebbe essere nella seconda parte della stagione quando torneremo a Gennaio. Ma sì, verremo coinvolti in un caso dove c’è qualcuno che non è una brava persona.

 Se Max che dice a Brennan che è “coinvolto in diverse cose” sarà portato di nuovo a galla:

“Si tratta di qualcosa che stiamo sviluppando adesso. Con la prima parte della stagione, specialmente con la fine della cospirazione e dirigendoci verso il duecentesimo [episodio], ecco, volevamo dedicare a Max una buona parte di tempo. Quindi ce ne occuperemo nella seconda parte della stagione. Non volevamo andare dalla cospirazione ad un’altra grossa storyline. Ma Max tornerà e affronteremo questo problema.”

Se vedremo presto Daisy:

“Sicuramente. Daisy è nel secondo episodio, quando abbiamo salutato Sweets nel solo modo in cui questo gruppo poteva fare. Ma Daisy è anche incinta e, come abbiamo sentito nella premiere, è anche assolutamente sola. E non credo che le persone che si sono affezionate a lei e che le hanno voluto bene a loro modo nel corso degli anni avranno intenzione di lasciarla da sola. Quando il bambino nascerà, avrà qualcuno che si prenderà cura di lui.”

Sugli Squint: vedremo sempre il solito cast ruotare o ci sarà qualcuno di nuovo?

“Tutti i nostri soliti squint torneranno a farci visita e a lavorare. Questi sono personaggi che abbiamo imparato ad amare e che sono diventati parte integrante dello show al punto che siamo in grado di avere a che fare con loro più che se fossero semplici impiegati del Lab. Le loro vite sono piene, ricche, questo è quello con cui saremo alle prese. Wendell sta affrontando il cancro, Cam e Arastoo hanno una relazione, Daisy ora avrà un bambino. Faremo tornare Oliver Wells e Clark, e tutte queste persone hanno delle vite interessanti che saranno esplorate e, dato che si sono affezionati l’uno all’altro, saranno tutti coinvolti nelle vite degli altri, cosa che succede in molti posti di lavoro. Impareremo molto a proposito di questi personaggi che all’inizio erano solo un aiuto temporaneo al Lab. Sono diventati membri permanenti della famiglia di Bones.”

Sulla preoccupazione che aver perso un importante personaggio (come Sweets) possa avere degli effetti negativi:

“Assolutamente. Possiamo solo affrontare gli eventi che abbiamo davanti. E questo è quello che abbiamo dovuto fare in questa circostanza. E’ qualcosa di più rispetto all’essere un bene o un male per lo show – la difficoltà e il dolore per aver perso un personaggio come Sweets e un attore come John [Francis Daley (Sweets)]. Non sai mai come il pubblico reagirà. Possiamo solo sperarlo, affrontando [la perdita] in maniera realistica e in un modo che rispetti il personaggio, e anche noi dobbiamo mostrare quanto rispettiamo il pubblico. Non l’abbiamo fatto in modo sprezzante o spietato. Abbiamo cercato di farlo e di integrarlo nello show, sperando che lo show vada bene. Se lo show fosse rimasto immobile non credo saremmo arrivati alla decima stagione. Credo che uno show debba cambiare ed evolversi, cosa che è dolorosa. Ma questo non significa che non sia giusto o scorretto. Dovevamo fidarci del fatto che se avessimo affrontato la situazione onestamente, questo avrebbe potenziato lo show. Non importa quando difficile o doloroso sia. Non c’è modo di sapere come il pubblico reagirà ad ogni episodio o ad ogni cambiamento. Non lo sapevamo quando Booth e Brennan si sono messi insieme, quando si sono sposati o hanno avuto una bambina, quando un personaggio lascia lo show. Non lo sappiamo e basta; speriamo solo che tutti stiano con noi e si godano lo show, che la cavalcata sia ancora soddisfacente e sincera.”

Se lo show affronterà la morte di Ralph Waite:

“Probabilmente lo faremo e stiamo cercando un modo per farlo senza riportare a galla di nuovo il tutto e senza approfittare della situazione. Non vogliamo essere scadenti, soprattutto dopo aver affrontato una grave perdita come quella di Sweets. Siamo in un guaio, ma lo stiamo affrontando.”

Cosa è impegnativo dopo 10 anni?

“Tutto è una sfida dopo 10 anni. Una delle cose più difficili è trovare casi che siano nuovi, indizi che siano nuovi e parole che siano nuove e uniche. Dobbiamo trovare un modo per avere a che fare con la scienza che sia nuovo e al passo con la tecnologia. Da un punto di vista tecnologico, lo show è cambiato tantissimo in questi dieci anni, ma principalmente è “da dove vengono queste nuove scoperte sui cadaveri?”. La cosa miracolosa è che gli autori continuino a portare  nuovi e completamente unici modi per uccidere le persone e posti e situazioni in cui ucciderle. Avremo un omicidio ad una convention di esperti forensi. Perché non l’abbiamo fatto prima?! Davvero, in nove anni non l’abbiamo mai fatto, perciò è qualcosa di nuovo. E’ una dimostrazione del fatto che gli autori e Jonathan Collier, che è uno dei produttori esecutivi e coordina gli autori, sono fenomenali.”

Sul casting di Sunnie Pelant e Gavin MacIntosh come i nuovi Christine e Parker Booth:

“Un cambiamento è necessario quando uno show evolve, specialmente con i giovani attori. Lo abbiamo già fatto in precedenza. L’attrice che interpretava Michelle è cambiata per quel personaggio. Anche Christine è cambiata, in parte anche per l’età. Volevamo qualcuno in quella parte che potesse fare di più. L’età di Christine … l’abbiamo fatta diventare più grande in un attimo in modo da poter avere qualcuno con cui dialogare, con la speranza che possa rimanere nello show a lungo. E per quanto riguarda cambiamenti fisici, questa è una considerazione da fare per Parker. Ancora, è l’evoluzione degli attori, di persone giovani che sono passate attraverso lo show. E forse è nella lunga e meravigliosa tradizione di Bewitched (n.d.t. “Vita da Strega“). Abbiamo un nuovo Darrin.”

 

fonte: GMMR

traduzione: Mars e Cris

 

 

1 Commento

  1. antobetty

    Fantastica l importante e lasciare i personaggi principali in particolare booth&brennan sempre insieme con le loro gag di vita familiare e lavorativa e anche tutti gli altri specie dopo la morte di sweets “troppo forte come trauma x i fan”cmq grazie a tutti voi e bones forever una grandissima fan di bones dall inizio thanks

    Replica

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: