Il creatore di Bones sul finale della IX stagione e l’inizio della X

Allora, in quanti avete già visto il fantastico finale di stagione di Bones, 9×24 “Il cadavere in poltrona” (The Recluse in the Recliner) andato in onda ieri sera negli USA? Sappiamo che molti di voi sicuramente staranno aspettando i sottotitoli in Italiano, per questo oggi vi proponiamo una simpatica intervista del creatore di Bones, Hart Hanson rilasciata poche ore prima della diretta ad EW, che vi farà capire (come se ci fossero dei dubbi!) quanto questo cast si diverta a lavorare insieme. Non preoccupatevi se non avete ancora visto l’episodio, Hart non ama rovinare gli episodi! Si limita per lo più a mettervi curiosità..E se l’avete visto, sicuramente parecchie di queste “strane” battute avranno per voi almeno un po’ di senso. Buona lettura!

Nome della serie/Mio Nome/Titolo: Bones, Hart Hanson, creatore

Data della messa in onda dell’episodio: Lunedì 19 Maggio 2014

Titolo dell’episodio: The Recluse in the Recliner

Numero di morti: Sono piuttosto sicuro che ne usciamo tutti vivi [ma il produttore esecutivo] Stephen Nathan non sembra passarsela poi così bene.

Un indizio di una parola sola, in una qualsiasi altra lingua che non sia l’Inglese: Antasticfay!

Canzone che ho canticchiato mentre scrivevo l’episodio: Non ne ho mai abbastanza di Stephen Nathan che canta “God Save the People”

Trama dell’episodio in 140 caratteri o meno (Sì, un indizio per Twitter): #GuardateLaPuntataIMaledettiSpoilerFannoSchifo

Indizio dal copione (una battuta dall’episodio): “Che significa?” (ndt: la frase più usata nella serie, nonché slogan che si sente in ogni episodio dopo i titoli di coda)

Location della scena più costosa della serie: “Stage 9, Fox Lot, Los Angeles California” (ndt: è semplicemente l’indirizzo degli studi della FOX dove vengono girati i telefilm..Lo stage 9 è lo studio di Bones, ovviamente!)

La frase più usata dai produttori per descrivere finali di stagione, che penso possa davvero descrivere questo episodio:

L’episodio è “un barn burner!” (ndt: letteralmente significa “un bruciatore di stalle” ed è una frase che non ha un vero e proprio traducente in Italiano, in quanto è per lo più un gioco di parole e di assonanze tra il verbo “burn, bruciare” e la parola “barn, stalla”..è un po’ come dire un finale “esplosivo”, e Hart aggiunge: a bruciare però non è la stalla in questo caso!)

Guardatela Live! Infatti, se riuscirete a far Trendare lo show su Twitter (spoiler: il fandom ci è riuscito davvero!), farò.. (Cerchia l’opzione oppure aggiungi di tuo l’opzione E..)

A. Anticiperò qualcosa sulla prossima stagione su Twitter dopo la messa in onda sulla West Coast

B. Sceglierò un follower di Twitter e chiamerò un personaggio come lui nella prossima stagione.

C. Pubblicherò su Twitter un pezzetto di dialogo che è stato tagliato dall’episodio.

D. Seguirò 25 persone su Twitter

E. Prenderò a schiaffi John Francis Daley (ndt: Sweets) con una manciata di spaghetti.

Domanda seria: In termini di “pietre miliari della serie”, c’è qualcosa che ancora non avete fatto con Booth e Brennan e che vorreste fare l’anno prossimo?

Sì. Ecco una breve frase che possa darvi un indizio: “Che cavolo stai facendo laggiù”?

Opzional: Disegna una scena del finale (o se DAVVERO non ti va, mandaci una foto).

L’unica cosa che posso trarre sono le conclusioni (ndt: ennesimo gioco di parole con il verbo “draw, disegnare” che in Inglese può significare anche“trarre”)

Fonte: EW

Traduzione: Marta187 / Mars

1 Commento

  1. antoboreanaz

    Ho appena visto l’ultimo episodio della nona stagione di Bones. Non ci sono parole….Boreanaz alla regia è stato eccezionale e sia David che Emily in questo episodio sono grandi ed emozionanti.
    Episodio veramente bello che lascia un pò di amaro in bocca, ma veramente meraviglioso.
    Questo si che è un finale:::::::::::::::

    Replica

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: