Recensioni
  • Il caso in sé, come sempre è un mezzo per arrivare a certe conclusioni, ma in questa circostanza vi ho trovato una strana analogia, si parla di una musica forte assordante, un po’ come sono i sentimenti di tutti i protagonisti della puntata, che nascondono sotto la superficie un autentico mare in tempesta.
    (omelette73)
  • L’episodio è stato caratterizzato anche da molti momenti divertenti, inutile negarlo (Il secondo interrogatorio di Brennan credo entrerà nella storia!).
    (lathika)
  • Altra scena degna di nota: Sweets e Wyatt a confronto parlando di B&B. Wyatt svela che, secondo lui, solamente uno dei due sta ancora facendo fatica ad ammettere la sua attrazione verso l’altro. Resta da scoprire chi.
    (crisssbit)
  • Mi è piaciuto un sacco il dialogo tra GG e Sweets. GG gli dice che nonostante quello che ha dovuto passare da piccolino, ha trovato dei genitori che l’hanno salvato, che l’hanno fatto diventare quello che è, una persona che pensa che la gente possa essere salvata da altre persone che hanno un cuore buono.
    (FrancyBB)
  • Sweets qui è al centro della questione, ma la sua infanzia difficile diventa lo spunto per far aprire Bones e Booth sul loro passato. (…) In due secondi scoppia in lacrime, e confessa un orribile segreto del suo passato di punto in bianco, e spinge Booth a svelare qualcosa di sè… proprio come Booth le ha insegnato nell’episodio pilota.
    (crisssbit)
  • Priceless Brennan che si apre per prima, mentre Booth è ancora ostile all’idea di parlare ad alta voce dei suoi dolori. Se Sweets ha le cicatrici delle cinghiate sulla schiena, Booth probabilmente le porta ancora nel cuore.
    (Cris.Tag)
  • E cosa vede, alla fine Sweets? Qualcosa che gli ha fatto notare GG… B&B non sono in nessun modo personalità opposte… sono anime gemelle…legate da un sentimento leggero come quel fazzoletto e prezioso come le lacrime che lo hanno bagnato.
    (Kew08)
  • Brennan è totalmente aperta. Si confessa di slancio, lo incita a fare lo stesso. E compie il gesto del fazzoletto deliberatamente. Non è un restituirgli il fazzoletto come gesto automatico. Glielo mette nel taschino e lo guarda. Sa cosa sta facendo, sa che sta dicendo di più con quel gesto.
    Booth invece è tutto chiuso. Butta fuori la confessione ma subito chiarisce a Sweets che, ehi, non aggiungerà una parola di più. Quando però lei gli mette il fazzoletto nel taschino, si china a guardare, colpito e non può fare a meno di toccarsi il taschino, dove si è posata la mano di lei. Dove ci sono le sue lacrime. Dove c’è il suo cuore. Qui c’è l’incongruenza: la chiusura, la voglia di scappare, versus il cuore che però batte decisamente in una direzione.
    (Dreamhunter)
  • Booth si rivela perchè sono gli occhi di Bones (la sua anima) a chiederglielo e lui non può dire di no.. in quel momento Sweets non c’è.. torna solo nell’attimo in cui Booth deve porre un freno alla sua rivelazione, per evitare una lettura psicologica, un’opinione, un pensiero in merito.. lui non vuole compassione, non vuole i riflettori su di sé, si preoccupa per Bren e lei lo rassicura: sto bene, qui ci sono le mie lacrime, il mio passato, il mio cuore e lo dono a te. Lui con quel semplice tocco dice che lo custodirà, con il suo amore.. un amore che deve nascondere agli occhi di Sweets, di nuovo. Scappa. Perché lei non è pronta, o perché lui non è pronto.
    (lotus in dream1927)
  • Quando si gira verso Sweets e dice “E non aggiungerò una parola in più sull’argomento” ha gli occhi che brillano, l’espressione fragile e impaurita di qualcuno che potrebbe piangere da un secondo all’altro se non si trattiene. Questione di un attimo, ma si nota.
    Sulla sua faccia ci sono le tracce del bambino che è stato, della disperazione della sua infanzia che ha appena rivelato. E ci vuole molta bravura e molta immedesimazione nel personaggio per rendere un’emozione simile con efficacia. Sorprendente, all’interno di un prodotto televisivo.
    (Dreamhunter)
  • Il titolo del libro su B&B scritto da Sweets, alla fine dell’episodio diventa: Bones: the Heart of the Matter. Che vuol dire ovviamente due cose: la prima, che le ossa sono il nocciolo della questione, ma forse anche che la nostra Bones è il cuore della questione.
    (crisssbit)
  • The heart of the matter. Dovremmo scriverlo noi fans.
    Un libro sul cuore al centro dei piccoli gesti che rendono grande una storia.
    (Dreamhunter)
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: