Il sorprendente ritorno nel finale di stagione di Bones 11

A pochi giorni dalla messa in onda dell’ultimo episodio dell’undicesima stagione di Bones, i fan sono ancora sconvolti dall’inaspettato ritorno di un personaggio chiave, rimasto nei cuori di molti per tutto questo tempo.

Questo articolo contiene SPOILER per il finale dell’undicesima stagione e per l’inizio della dodicesima perciò, se non volete rovinarvi la sorpresa, le aspettative o quant’altro, non proseguite nella lettura.

Il quasi-assassino preferito da tutto il Jeffersonian è tornato. Zack Addy ha fatto la sua comparsa nei minuti finali dell’ultimo episodio della penultima stagione di Bones. Ok, è il caso di fermarsi a riflettere, dato che di Zack non si avevano notizie dalla quarta stagione [4×05, “Perdere la testa]. Sono passate otto stagioni da quando l’ex intern, interpretato da Eric Millegan, è stato rinchiuso in un istituto psichiatrico per aver collaborato con il killer cannibale, Gormogon. Nei minuti finali dell’episodio andato in onda giovedì 21 Luglio negli USA, Zack compare al Lab per portare via Brennan. Tutte le prove indicano che Addy sia il serial killer conosciuto come il Burattinaio, ma c’è altro da aggiungere? Ecco che cosa ha dichiarato Millegan a Entertainment Weekly a proposito del suo ritorno dopo così tanto tempo.

EW: Cosa hai pensato quando hai saputo che cosa avevano in mente gli autori per Zack?

ERIC MILLEGAN: ho saputo che sarei dovuto apparire nell’episodio previsto per Gennaio, nella nuova stagione, ma non sapevo esattamente come si sarebbe svolta la situazione. Non so se sapevano ancora se ci sarebbe stata una dodicesima stagione, quindi non sapevano per certo se sarei tornato per uno o due episodi alla fine di questa stagione. Non ho saputo niente per un po’ ma alla fine ho ricevuto una telefonata dal mio agente che diceva che avrei avuto una cicatrice sulla mia fronte. Poi hanno detto che sarei dovuto andare a farmi misurare la testa da degli artisti del makeup. Anche se non sapevo esattamente cosa stava succedendo, sono andato da loro e mi sono fatto misurare la testa, poi di nuovo non ho avuto più notizie da nessuno. Ho chiesto al mio agente se fosse tutto confermato ed è stato un po’ come sentirsi dire “beh, ti sei fatto misurare la testa, no?”. Alla fine ho ricevuto il copione ed ero così emozionato! Fino a quel momento non sapevo che io sarei stato il cliffhanger. La mia è l’ultima battuta dell’episodio “Tu ed io, abbiamo molto di cui parlare” ed ero tipo “O mio Dio, è così folle”. Non sapevo ancora esattamente cosa sarebbe dovuto accadere dopo, così ho pensato che mi sarei dovuto concentrare su quel momento, stare calmo, dire la battuta e interpretarla in modo da poter essere interpretata in qualsiasi modo e questo è ciò che ho fatto. Qualche giorno dopo ho ricevuto il copione per il primo episodio dell’ultima stagione e, ovviamente, non posso dire nulla in proposito ma è meraviglioso. Sono veramente eccitato.

EW: Sai qualcosa a proposito di quello che ha passato Zack in questi ultimi otto anni?

EM: Sì, lo so ma non posso dire nulla. E’ decisamente fantastico, molto.

EW: Hai dato qualche spunto alla storia?

EM: Non io, ma sono andato a pranzo con Tamara [che interpreta Cam] un paio di settimane fa e quando lei e TJ [che interpreta Hodgins] hanno scoperto che sarei tornato e che c’era la possibilità che io fossi il killer che loro stavano cercando, hanno parlato con Michael Peterson, uno degli showrunner, e gli hanno detto che non potevano farmi interpretare il killer perché ci siamo già passati. Gli hanno detto che devo essere l’eroe. Questo è stato il loro spunto. Hanno lottato per il mio personaggio.

EW: Eri preoccupato quando hai letto di questa storia?

EM: Per niente. Anche quando ho ricevuto il copione per il finale della terza stagione [3×15 “L’ultimo discepolo“] e ho scoperto di essere l’apprendista del serial killer, anche se ero triste perché avrei dovuto abbandonare lo show è stato ugualmente emozionante come attore interpretare quella parte. Pensavo che quell’episodio sarebbe stato interessante. Non ero elettrizzato all’idea di lasciare lo show ma lo ero a proposito di quanto il mio personaggio stava per fare. Ed è lo stesso in questa situazione. Recitare quella scena è stato fantastico ma recitare nel prossimo episodio sarà ancora più emozionante.

EW: Speravi di avere la possibilità di interpretare nuovamente Zack?

EM: Sì. Hart Hanson, il creatore dello show che all’epoca era lo showrunner, mi disse  che c’erano piani per uccidere Zack nella terza stagione ma che lui ha combattuto per riuscire a mantenere il mio personaggio in vita, per questo motivo c’è sempre stata la possibilità di farmi tornare nello show ad un certo punto. E’ stato fantastico perché se fossi stato ucciso non mi avrebbero mai fatto tornare dal regno dei morti o come gemello cattivo. Ho adorato il fatto che Hanson abbia lasciato questa possibilità. Dopo il finale della terza stagione, sono tornato per altri tre episodi. Il primo è stato quello in cui Zack fugge dall’istituto psichiatrico [4×05, “Perdere la testa”], poi c’è stato quell’episodio-sogno in cui ognuno di noi interpretava un personaggio diverso [4×26, “Sogno e Realtà“] e l’ultimo è stato il prequel, il primo caso risolto prima che la serie iniziasse [5×16, “Le Parti nella Somma del Tutto“, il 100° episodio]. Ma il pubblico non ha visto Zack interagire in contemporanea con gli altri dall’inizio della quarta stagione. Sono passati, quanti, otto anni? Ho solo pensato, dopo tutto questo tempo, che la gente avrebbe detto “Davvero tornerai?”. Pensavo che non avrei accettato perché era passato troppo tempo. Speravo che sarei stato nel finale di serie ma ero preoccupato. Poi ho ricevuto la mail in Gennaio che diceva “Ci piacerebbe che tu tornassi per un paio di episodi”. Ho risposto immediatamente al mio agente dicendo “Cavolo”.

4x05-The-Perfect-Pieces-in-the-Purple-Pond-dr-zackary-uriah-addy

Booth, Brennan e Zack in “Perdere la testa”

EW: Ci sono stati altri momenti in cui si è parlato di riportare indietro Zack , non in un flashback o in un sogno?

EM: No, o meglio, non sul serio. Sapevo che c’erano due nuovi showrunner ma non conoscevo la loro opinione a riguardo se non dopo averlo scoperto, o meglio, dopo aver girato la scena mi hanno detto di non dire a nessuno che sarei tornato. Ma poi Michael Peterson ha rilasciato un’intervista e ha detto una delle cose più belle che abbia mai sentito. Ha detto “Ero un fan dello show prima di iniziare a lavorarci e ho pensato che quello che Eric ha dato al suo personaggio è stato fantastico. Farò tutto il possibile per riportarlo indietro.” Pensavo allora che averi potuto dire che sarei tornato ma non potevo, altrimenti avrei svelato tutto il retroscena della storia. Mio marito ed io avevamo voglia di dire a tutti di guardare la puntata ma non potevamo. Invece lui ha solo scritto sulla sua pagina Facebook, senza svelare che sarei stato nella puntata, che al posto di guardare il discorso di Trump alla convention avrebbe invece guardato Bones.

EW: Hai avuto la sensazione di dover tornare al tuo vecchio personaggio o credi che sia accaduto molto a Zack  al punto che potrebbe essere diventato una persona completamente diversa ora?

EM: Gli sono accadute molte cose e ora è più vecchio. Ho l’aspetto di uno più vecchio perché lo sono. C’è stato un episodio, recentemente, nel quale hanno mostrato una foto di Zack. E’ stato una specie di documentario [11×18, “The Movie in the Making“]  e TJ ha parlato di Zack, hanno mostrato alcune immagini. Pensavo solo a quando fossi giovane e che non ho più l’aspetto di una volta. Però adesso non dovrei avere lo stesso aspetto di prima . Ma essere sul set e interpretare il personaggio … è stata una scena breve ed è uno Zack che non abbiamo mai visto. David Boreanaz ha diretto l’episodio, è un grande regista. Emily dirigerà il prossimo, ed è emozionante. Lei è emozionata. Vi dirò una cosa divertente. Quando abbiamo girato quella scena finale, a volte quando stai girando una scena e ti stanno facendo un primo piano, l’attore con cui stai lavorando sta dietro la telecamera e dice la sua battuta ma a causa dell’angolo di ripresa, non puoi guardarlo direttamente negli occhi. Hanno così messo un piccolo pezzo di nastro a lato della macchina da presa e mi hanno detto che quella era la direzione verso la quale avrei dovuto guardare. In pratica, sto facendo questa scena con Emily ma non la sto nemmeno guardando. Guardo in direzione di questo nastro e dico la mia battuta.

EW: Hai già lavorato con David come regista, dato che ha diretto il 100° episodio. Che tipo di esperienza è stata?

EM: E’ un grande. E’ molto creativo. Anche il modo in cui ha girato la scena con me, partendo dall’oscurità e arrivando alla luce è stata una brillante idea. E’ molto divertente. Penso sia il miglior regista con cui ho mai lavorato.

EW: Che tipo di regista pensi che sarà Emily?

EM: Penso che sarà fantastica. Credo che sia la sua prima volta e quindi sarà divertente. Mi ha detto che è emozionata all’idea di usare una parte diversa del suo cervello rispetto a quella che usa quando recita. Mio marito mi ha detto “Emily ti adora, vedrai che ti farà sembrare bello.” E’ una cosa positiva. Lei mi vuole bene ed io ne voglio a lei, credo riusciremo a tirare fuori il meglio l’uno dall’altra.

EW: Ti sei tenuto in contatto con il cast?

EM: Sì. Non ci siamo visti per un po’ perché negli ultimi anni sono stato per la maggior parte del tempo a New York, ma ci siamo mandati dei messaggi. Ho visto Tamara e abbiamo pranzato insieme. Michaela [che interpreta Angela] ha ricevuto il copione del prossimo episodio prima di me e mi ha detto che la mia è una bella storyline e che mi piacerà. Emily ed io ci siamo messaggiati sin da quando ho ricevuto il copione. E’ molto gentile, mi ha detto di farle sapere se ho domande, dubbi o altro.

EW: Ripensando a quando eri un personaggio ricorrente, c’è qualcosa che ti ricordi di più?

EM: Lo spirito di squadra, l’amicizia, il lavorare insieme. E, guardando più indietro, anche Hart Hanson perché è stato una persona davvero speciale con cui lavorare. Abbiamo passato dei bei momenti insieme. C’è stato un articolo su di me, uscito in due parti, sull’Huffington Post. Se cerchi Eric Millegan e bipolarismo, puoi leggere in quell’articolo quanto Hart mi abbia aiutato ad affrontare il tutto. Ho dovuto conviverci per tutta la durata della prima stagione, fino a quando non ho trovato la giusta combinazione di farmaci. Mi è stato così tanto di supporto, l’abbiamo superata insieme. E’ stato veramente un grande perché, verso la fine della prima stagione, mi ha fatto sedere e mi ha chiesto se avessi bisogno di andare in ospedale o qualcosa del genere per riprendermi e che il mio lavoro sarebbe stato sempre lì al suo posto nel momento in cui fossi tornato. Perché mi ha detto che ero davvero prezioso per lo show. Ed è stato davvero molto gentile. Questo è uno dei momenti a cui ripenso spesso. Sarà decisamente triste nel momento in cui il tutto finirà. Anche se non sono stato nello show per diversi anni, c’è sempre stata una possibilità. Potevo guardarmi Bones e vedere tutti. Sarà strano quando si tratterà di mandare le repliche.

EW: Hai mai pensato a come avresti voluto che si chiudesse la storia di Zack?

EM: Ottima domanda. Non ci ho pensato veramente. O meglio, non ho mai pensato a come l’avrebbero voluta chiudere loro. Volevo solo che accadesse qualcosa. Volevo tornare. Al termine di quell’episodio della quarta stagione, quando lui scappa dall’istituto psichiatrico e dice a Sweets che non ha ucciso nessuno, accade qualcosa di grosso. Ma poi, quando due stagioni fa, Sweets viene ucciso [10×01, “Le rivelazioni del cadavere“], ho pensato “l’unico che conosceva la verità è morto! Cosa significa questo?”. Non ho mai pensato a come volevano chiuderla, mi piace essere sorpreso. Mi piace interpretare qualsiasi cosa mi venga chiesto di fare in quanto attore, non penso stessi sperando in una specifica storyline.

EW: C’è qualcosa che vorresti dire ai fan che sono preoccupati per Zack e questo particolare arco narrativo?

EM: Sarà divertente. Non posso dire niente, solo che non resterete delusi. L’episodio a cui siamo giunti è un vero e proprio tour de force. Sarà l’episodio più emozionante che io abbia mai fatto.

Non so voi, ma a me in certi punti è scappata la lacrimuccia … detto questo, mettereste Zack fra i buoni o i cattivi in questa storyline? Dite la vostra!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: