La gente dice che si vive una volta sola.
Ma la gente si sbaglia su questo, come si sbaglia su tutto il resto.

Nei momenti più bui prima dell’alba, una donna ritorna nel proprio letto.
Che vita che sta conducendo?
E’ la stessa che stava vivendo mezz’ora fa? Un’ora fa? Un giorno fa? Un anno fa?

Chi è quest’uomo?
Vivono vite separate o è una sola vita condivisa?

Mi ami?

Certo. Vuoi che te lo dimostri?

Se non sei troppo addormentato…

Si avvicina un temporale. E’ ancora oltre l’orizzonte, ma dei lampi squarciano il cielo.
Sono consapevoli dell’imminente turbolenza?
Sentono il crepitare dell’elettricità nel vento o si rendono conto solo della potenza che generano tra di loro?

Ma il primo accenno di questo temporale non è un fulmine a ciel sereno.
E’ un colpo (alla porta).

Amando qualcuno, ti esponi alla sofferenza.
Questa è la triste verità.
Forse ti spezzerà il cuore, forse sarai tu a spezzare il suo e non sarai mai più in grado di guardarti nello stesso modo.

Questi sono i rischi.

Inoltre…ho un’altra confessione.

Cosa?

Vedi due persone e pensi che si appartengono…ma non succede niente.

Hai presente quel bicchiere di vino che condividiamo tutte le sere?

Ebbene?

Devo smettere.

Andiamo, Bren. Bere un bicchiere di vino ogni sera con tuo marito non fa di te un’alcolizzata.

Non è quello il motivo…

No! Davvero?!? Sei incinta?!? Un maschietto, eh?

O una femminuccia.

Il pensiero di perdere così tanto controllo sulla propria felicità è insopportabile.

Questo è il fardello.
Come ali, che hanno un peso, sentiamo quel peso sulle nostre spalle, ma è un peso che ci solleva.
Un peso che ci consente di volare…

Chi sei tu?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: